L’Alfa Romeo ritorna alla storia: ecco la nuova Giulietta

L’Alfa Romeo, in un periodo molto turbolento dal punto di vista societario, sceglie di festeggiare il suo centenario scendendo sul mercato con il peso della sua storia.

La nuova Alfa Romeo Giulietta

Il nuovo modello che manderà in pensione sul mercato Nordamericano ed Europeo la vecchia 147 si chiamerà infatti Giulietta, marchio storico della casa del gruppo Fiat.

Il numero uno della casa torinese Sergio Marchionne ha dichiarato di credere molto in questo modello per rilanciare nel mondo il simbolo dell’Alfa Romeo, ultimamente un po’ in crisi.

Dal punto di vista della struttura, la nuova Giulietta si avvarrà di un progetto quasi completamente nuovo. Sarà di 13 cm più lunga e di 7 più larga della 147. Il pianale, di base quello della Bravo, sarà però profondamente rivisitato dal punto di vista della meccanica. In particolare spicca l’intervento sulle sospensioni posteriori, che saranno strutturate con uno schema a bracci multipli, simile a quello della Mini.

Molto rivisti anche gli interni, che presentano linee più essenziali rispetto a quelle della 147, pur mantenendo l’eleganza che contraddistingue le auto Alfa Romeo.

Totalmente nuovi i motori, che saranno disponibili in due versioni benzina 1.4 turbo – uno da 120 cv e uno con tecnologia multiair da 170 – e due versioni turbodiesel – 1.6 da 105 cv e 2.0 da 170 cv. Ma per mantenere fede alla sportività che evoca il nome Giulietta sarà in seguito disponibile una versione 1750 ad iniezione diretta di benzina da 235 cv, distribuita insieme all’allestimento esclusivo “quadrifoglio verde”.

Tutti i modelli monteranno il differenziale elettronico Q2 e il manettino Dna, che renderanno l’esperienza di guida più completa, permettendo di selezionare al guidatore la risposta di motore ed ammortizzatori più adatta al proprio stile di guida.

Insomma, l’Alfa Romeo con la Giulietta sembra avere tutte le carte in regola per rilanciarsi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *