Lavorare all’estero: sempre più giovani laureati vanno via!

In questi giorni alcuni autorevoli quotidiani economici stanno affrontando il delicato problema di un fenomeno che rischia di diventare preoccupante, ossia la carenza di lavoro in italia per i giovani.

Sempre più neo-laureati, infatti, scelgono (ma dovremmo dire “sono costretti”) di andare a lavorare all’estero reando un forte danno al sistema paese in quanto vengono a mancare proprio le menti migliori, quelle che dovrebbero rappresentare il futuro dell’Italia.

Secondo le ultimissime stime sono circa 60 mila i giovani di talento che decidono di abbandonare l’Italia per tentar fortuna all’estero e in particolare in Germania, Francia e Stati Uniti.

Ma quali sono le motivazioni che spingono i neo laureati ad andare via dall’Italia?

Sicuramente la scarsità del lavoro è la prima causa, seguita dalla difficoltà di portare a termine gli studi cosa che qui avviene in tempi più lunghi rispetto ad altri paesi. Le univeristà, infatti, non sembrano più essere efficienti come in passato nonostante il costo da sostenere per portare a termine un corso di laurea non sia indifferente.

Proprio per questo sono stati istituiti degli strumenti per agevolare i giovani come i prestiti per studenti universitari, ossia dei prestiti senza garante, che consentono di finanziare a condizioni particolarmente vantagiose i costi legati allo studio.

Insomma se dovesse confermarsi questo trand anche per i prossimi anni sarebbe davvero un bel danno per il paese, visto e considerato che i giovani laureati rappresentano davvero il futuro dell’Italia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *