Lavorare su web: in aumento i giovani che aprono un’attività su internet

Sta prendendo piede anche in Italia, la moda di inventarsi un lavoro su internet per scacciare il precariato.

Soprattutto tra i giovani, stanchi delle magre prospettive lavorative si sta diffondendo l’usanza di aprire una Partita IVA e lavorare sul Web. Per ora, e non sono pochi, questi giovani imprenditori sono qualche centinaio sparso in tutta Italia.

E’ nato anche un blog che si chiama wwworkers.it, dove i giovani possono scambiarsi esperienze e raccontano di come ce l’hanno fatta ad aprire un’attività su Web fonte di reddito. Se molti ragazzi dai 20 anni in su, sono stati costretti ad abbandonare l’Italia per trovare un lavoro decente, altri non si sono dati per vinta e sono riusciti ad aprire siti di e-commerce, blog, servizi online di vario tipo e molto altro. Insomma, per combattere la crisi, bisogna anche sapersi inventare il lavoro.

Il bello è che basta aprire una Partita IVA e disporre di una connessione al Web. Il resto sarà frutto dell’inventiva e della volontà. Ci sono tante storie di giovani, che hanno lasciato il posto in azienda, poco soddisfacente e si sono buttati in un’attività imprenditoriale su web.

Tra l’altro, secondo una ricerca di Accenture che ha coinvolto oltre 5.500 giovani di tutto il mondo, i giovani italiani sono tra i primi a livello mondiale per l’uso delle tecnologie emergenti nei contesti lavorativi insieme con cinesi e statunitensi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *