Lavoro: nuove opportunità grazie alla rete

Internet è indubbiamente fonte di milioni di informazioni su tantissimi argomenti, tra i quali la domanda e l’offerta di lavoro. Annunci suddivisi per regione, città, categoria, chi vuole tentare l’avventura all’estero, proposte per varie figure e ruoli.

Una vetrina indispensabile se si è alla ricerca di un lavoro. La procedura è abbastanza semplice: basta registrarsi ad alcuni siti, inserire il proprio curriculum seguendo le indicazioni del loro modello già preimpostato e iniziare la propria ricerca. Una volta trovato l’annuncio che ci interessa, iscriviamoci all’offerta e inviamo il nostro curriculum, nella speranza di venir poi contattati.

Se vogliamo invece trovare un lavoro da svolgere al nostro domicilio partime o fulltime, ci troveremo a dover analizzare una serie di proposte che vanno dal telelavoro alla ricerca di nuove iscritti.

Il vecchio lavoro di imbustamento depliant, trascrizione indirizzi, confezionamento piccoli oggetti sembra ormai superato dall’utilizzo della tecnologia, il pc e internet. Nulla di male, se a fonte di un buona dose di impegno e ore trascorse in rete i guadagni prospettati fossero reali. In molti casi chi guadagna veramente sono gli ideatori del meccanismo e non tu, che impieghi ore e ore tutti i giorni per cercare di guadagnare pochi centesimi.

C’è poi chi propone il proprio sistema infallibile per fare businnes in rete, prospettandoti poco lavoro e guadagni facili: arricchisce il suo sito con foto di persone sorridenti, ville da sogno, macchine di lusso, barche… e in fondo cosa ti chiede? solo poche decine di euro per inviarti la sua guida in cui ti spiega come fare a diventare in pochi mesi ricco con un minimo impegno!

La conclusione che possiamo trarre è più che ovvia: se da un lato la rete ci viene in aiuto mostrandoci opportunità di lavoro serie, dietro alle quali ci sono ditte o imprese che cercano veramente personale, dall’altra possiamo imbatterci in una serie di “illusioni” poste in essere con lo scopo non di proporre un lavoro serio ma di portare vantaggio economico all’ideatore del meccanismo. Attenzione quindi!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *