Le Orme: musica e polemiche

Due anni fa uno dei più grandi gruppi del rock progressivo italiano, Le Orme, veniva scosso dall’addio tra due dei membri storici, il cantante Aldo Tagliapietra e il batterista Michi Dei Rossi.

Il primo decide di interrompere la collaborazione con gli altri per divergenze con il secondo e a questo punto si apre una vertenza legale su chi possa ancora fregiarsi del nome storico della band.

La situazione non è ancora chiara, ma intanto Dei Rossi e gli altri arruolano un nuovo cantante, cioè Davide Spitaleri (ex Metamorfosi), e dopo un’intensa attività live realizzano in Aprile di quest’anno il nuovo disco intitolato “La via della seta”. Il bello, si fa per dire, è che il disco è firmato “Le Orme”, come se niente fosse successo e non fosse ancora tutto da definire. Il disco comunque è piuttosto bello,un classico concept evocativo e  vivace, con la bella voce di Spitaleri che si sposa bene alle atmosfere musicali.

Bisogna dire però che fa un certo effetto non sentire più il celebre falsetto di Tagliapietra: quella voce che non a tutti piaceva, ma che comunque rimane legata ai momenti migliori del gruppo veneto, depositati in dischi ormai classici come “Collage”, “Uomo di pezza” o “Felona e Sorona”, per citare i più noti.

Come risponde Tagliapietra? Il cantante ha riannodato i rapporti con due altri ex della band, Tony Pagliuca e Tolo Marton, iniziando un tour italiano che sta riscuotendo molto successo. La differenza è che il trio si firma con i singoli nomi dei componenti, in attesa di fare chiarezza sull’utilizzo del nome.

Anche per loro comunque si prevede un disco nuovo, prima o poi, mentre Tagliapietra dà alle stampe i suoi lavori da solista, a cominciare dal recente “Unplugged”, sorta di antologia in 2 cd dove sono ripercorse in chiave acustica le tappe principali delle Orme e anche alcuni episodi solistici del vocalist.

Insomma, da un solo gruppo ne sono nati due: nonostante le polemiche e il dispiacere dei fans, adesso ce n’è davvero per tutti i gusti. Dopo tante parole, adesso finalmente è il momento della musica.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *