Le tariffe incentivanti del Quinto conto energia

Con il decreto del 5 luglio 2012 il Governo ha varato il cosiddetto “quinto conto energia” che disciplina le tariffe incentivanti per la produzione di corrente elettrica attraverso il fotovoltaico. Con la discesa dei prezzi dei pannelli solari bastano meno di 10mila euro per un investimento che si ripaga nel giro di 7 anni e da ritorni economici interessanti. Vediamo nei dettagli di cosa si tratta.

Un sistema fotovoltaico in centro Italia di 3 kwp garantisce una produzione annua che oscilla tra i 3500 e 4000 kw. Un pochino meno al nord, un pochino di più al sud. Costa come abbiamo detto circa 9mila euro e ha bisogno di 20-25 mq di tetto o di giardino per essere installato.
Una volta che l’installazione è finita i tecnici dovranno preparare le procedure burocratiche per richiedere l’allaccio alla rete elettrica e chiedere al Gse l’ok per l’inizio dell’ incentivazione. Per il 2012 le tariffe sono le seguenti per impianti tra 1 e 3 kwp:
208 euro l’anno (corrisponde alla tariffa omnicomprensiva) per Mwh prodotto e 126 euro (premio energia consumata in sito). Le due tariffe si sommano. Per impianti con potenza tra 3 e 20kwp ci sono rispettivamente 196 e 114 euro.

Le tariffe vengono erogate per 20 anni a partire dalla data di funzionamento del sistema. I costi iniziali si ripagano circa in 7-8 anni, dopodichè si continua a guadagnare e si ha energia gratuita durante il giorno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *