Lei lo lascia davanti all’altare, lui chiede 500 mila euro di danni

Era già tutto pronto per le nozze, ricevimento in una villa in provincia di Roma, viaggio in Polinesia ed al rientro una casa già arredata che li attendeva.

Ma la sposa poco prima del matrimonio dà buca rifiutandosi dicendo di essersi innamorata di un altra persona. Così, Riccardo, romano di 32 anni dopo lo shock iniziale, decide di rivolgersi al tribunale civile per chiedere un risarcimento danni alla donna di ben 500 mila euro.

Tale somma contiene anche i soldi spesi per i preparativi e per l’arredo dell’appartamento, sostenute tutte dalla famiglia dello sposo, circa 230 mila euro, più ovviamente i danni morali ed esistenziali per lo shock determinato dall’affronto subito.

Ovvero 150mila euro a titolo di danno morale per le sofferenze subite e 120mila euro a titolo di danno esistenziale determinato dai certificati di disturbi di carattere psicologico provocati dall’abbandono.

I legali credono di poter essere accontentati dal giudice facendo riferimento ad una sentenza della Cassazione Civile che obbliga il promettente che senza giusto motivo si rifiuta di eseguire il matrimonio a risarcire il danno cagionato all’altra parte.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *