L’inevitabile addio a Del Piero

Tutte le cose terrene hanno un inizio e una fine. La storia di Del Piero juventino non fa eccezione. Ci si avvia al naturale addio che si consumerà domenica in campionato e il 20 maggio con la presumibile ultima apparizione nella finale di Coppa Italia. Questo è stato di fatto il primo scudetto vinto dalla Juve senza Del Piero. Alex ha inciso pochissimo perchè pochissimo ha giocato. Ma il suo ridotto minutaggio è figlio delle idee nuove di Conte che vogliono una squadra assatanata nel pressing, battagliera, veloce, tutte qualità che un campione di 37 anni non può garantire in misura continuativa. E allora trascinarsi un’altra stagione con presenze ancora più rade e tanta panchina non è l’obiettivo di Del Piero che pensa di poter ancora dare qualcosa al calcio. Gli obiettivi giocatore-società non coincidono l’uno vuole giocare ancora tanto l’altro pensa non possa più farlo con la continuità voluta da Conte. E allora meglio per tutti e due dividersi senza rancore e anzi con il ringraziamento massimo per chi ha dato la vita sportiva per la maglia bianconera e ne siamo certi continuerà a farlo una volta appeso le scarpette al fatidico chiodo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *