Loredana Lecciso ed Eleonora Magnifico contro l’omofobia: “Tutti uniti contro ogni discriminazione”

Sabato notte la showgirl leccese Loredana Lecciso è stata la madrina d’eccezione della serata contro l’omofobia organizzata dall’associazione di volontariato lgbt barese Makumba all’Heineken disco di Gioia del Colle (Bari). L’ex compagna di Al Bano Carrisi si è presentata nel tempio gay più famoso e popolare della Puglia con un abito nero molto trasparente per lanciare il suo messaggio sociale contro ogni forma di discriminazione e contro ogni pregiudizio. Non sono mancati riferimenti al gossip di queste ultime settimane.  La Lecciso ha infatti smentito le voci relative a un suo ritorno di fiamma con Al Bano spiegando di non vivere a Cellino San Marco, ma a Lecce.

La bellissima e divertente serata è stata presentata dall’artista en travesti Eleonora Magnifico che è salita sul palco con un boa di piume rosa. La Magnifico, che ha collaborato anche con la cantante Viola Valentino, rappresenta uno dei personaggi più amati e popolari nel mondo gay pugliese e nazionale. Le due bionde prima di scatenarsi in balli e simpatiche gag hanno voluto giustamente ricordare il suicidio del 15enne liceale a Roma che si è tolto la vita poiché era stanco di essere preso in giro e deriso sia nell’ambiente scolastico che sul social network Facebook solamente perché amava indossare il pantalone rosa.

Loredana Lecciso ha espresso solidarietà alla famiglia del giovanissimo liceale romano e ha poi aggiunto: “Teniamo alta la bandiera dei diritti umani“. La Magnifico ha precisato che tutti dobbiamo essere uniti contro ogni discriminazione: “La lotta all’omofobia non è la lotta solamente a vestirci come ci pare o a indossare i pantaloni rosa, è la nostra conquista all’amare e all’amore. A chiamare il nostro amore come vogliamo. Questa è la nostra conquista. Questa è la nostra lotta. La lotta all’amore“. Le due artiste hanno poi srotolato dal palco 20 metri di stoffa rosa sulle teste dei “makumbini” per lanciare un messaggio di solidarietà contro l’omofobia e contro ogni pregiudizio.

La Lecciso ha poi ribadito il concetto: “Siamo tutti uniti contro ogni discriminazione. Purtroppo non c’è solo l’omofobia, ma ci sono discriminazioni e io ne so qualcosa. Nel mondo che popola questa bellissima serata mi sento parte integrante, mi sento facente parte“. Prima di scatenarsi sul palco sulle note della canzone Si vive una volta sola la Magnifico ha simpaticamente affermato: “Quindi Loredana Lecciso è gay!“.

Una serata in cui si è posto l’accento sull’assenza di una legge contro l’omofobia nel nostro Paese perché la casta ha sempre bocciato o boicottato ogni proposta di legge grazie alla complicità del PdL, dell’Udc e della Lega Nord. Una classe politica vecchia, corrotta, clericale e arretrata che ha portato il nostro Paese sull’orlo del fallimento e che nonostante i continui disastri e orrori commessi in questi decenni  continua a bivaccare in Parlamento scaricando tutte le proprie colpe sui giovani, sugli operai, sui lavoratori e in particolar modo sulle fasce più deboli della società.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *