Manchester: derby dalle mille emozioni!

owen_manunitedGrande emozioni all’Old Trafford! Nel derby di oggi pomeriggio United e City si sono affrontati dando vita ad una partita da consegnare direttamente agli annali del calcio.

Le due formazioni di Manchester, fino questa mattina appaiate a 12 punti, sono scese in campo con le seguenti formazioni:

Manchester United: Foster; O’Sh

ea, Vidic, Ferdinand, Evra; Park, Fletcher, Anderson, Giggs; Berbatov, Rooney.

Manchester City: Given; Richards, Lescott, Toure, Bridge; Wright-Phillips, Barry, De Jong; Ireland, Bellamy, Tevez.

Calcio di inizio e dopo due minuti, su una rimessa laterale per il city nei pressi della bandierina del corner la difesa del City dimentica Evra che serve Rooney, questi dribbla con gran classe due difensori ed insacca, 1 a 0: partenza shoc dei Red Devils che si portano subito avanti! Ma la controparte non ci sta e guadagna campo imponendosi con grinta e fisicità sugli avversari. Il principale interprete della riscossa è Carlos Tevez, grande ex che sarà beccato dai tifosi dello United per tutto il match e particolarmente motivato. Proprio lui, fiondandosi su un pallone ormai perso, induce Foster ad un grossolano errore rubandogli la palla dalle mani e servendo Barry che insacca a porta sguarnita: 1 a 1 e match equilibrato, con il gioco dello United ben arginato dalla fisicità e dalla grinta dei giocatori in maglia celeste. Pochi minuti più tardi lo stesso Tevez colpisce anche un palo. Si va negli spogliatoi col risulato in parità e la partita apertissima ad ogni risultato.

Dopo la pausa qualcosa cambia, e Red Devils sono subito pericolosi e dopo 4 minuti Fletcher di testa trova la rete del 2 a 1, ma la gioia dei tifosi è subito smorzata perché dopo poche azioni Bellamy prende palla nel lato sinistro del campo, si accentra saltando due avversari e dal limite dell’area scaglia un bolide che si insacca sotto l’incrocio alla sinistra di Foster, stavolta incolpevole!

Il botta e risposta infiamma i tifosi del City, ma non sortisce lo stesso effetto sui giocatori: lo United alza il ritmo e conquista il centrocampo, Hughes non prende alcun provvedimento e si inizia a giocare ad una porta sola. I diavoli rossi sono padroni del campo e cingono d’assedio la metà campo avversaria. A questo punto inizia il duello tra Berbatov e Given: su calcio d’angolo la palla arriva al numero 9 in maglia rossa che colpisce a due metri dalla porta, ma Given si salva con un gran riflesso; dopo pochi minuti cross del funambolico Giggs, girata di testa ancora di Berbatov e ancora Given si supera allungandosi alla sua sinistra e negando al bulgaro la gioia del goal. Il forcing dello United crea anche una buona occasione per Park, che dal limite conclude debolmente a lato.

Allora si cambia, fuori Park, dentro Owen, e all’ottantunesimo, quando sembrava profilarsi il pareggio, su uno spiovente dalla sinistra è ancora Fletcher che si infila tra le maglie celesti e realizza il 3 a 2, mandando in delirio i propri tifosi! Restano da giocare 8 minuti più recupero ed i giocatori del City si gettano disordinatamente all’attacco a caccia del disperato pareggio ma ormai a corto di energie, riescono a procurare soltanto una buona occasione.

Allora lo United gestisce il possesso palla a centrocampo cercando di far passare i minuti, ma all’ottantottesimo, con un incompresibile eccesso di sicurezza, Ferdinand tenta di servire un compagno con un pallonetto su un avversario che intercetta facilmente il pallone e lancia Bellamy. Questi si invola verso la porta e, giunto a tu per tu con Foster, realizza il gol del 3 a 3! Questa sembra davvero la parola fine, però il calcio regala spesso incredibili sorprese.

Ci sono 4 minuti di recupero, durante i quali i giocatori di Ferguson provano il tutto per tutto senza grandi risultati, l’arbitro però lascia continuare per altri due minuti e al minuto 96 un pallone lanciato alla disperata verso la divesa del City viene ribattuto, lo riceve Giggs che vede un varco per Owen, lo serve e questi va a realizzare un incredibile 4 a 3! Apoteosi per i tifosi dello United e delusione per gli avversari, che contestano i troppi minuti giocati.

Bellessima partita che non verrà dimenticata facilmente, con un successo degli uomini di Ferguson sudato ma meritato per quanto visto nella seconda frazione di gioco. Da segnalare per i Red Devils una superlativa prestazione di Ryan Giggs, senza dubbio migliore in campo, resosi protagonista di alcune giocate superlative sulla fascia sinistra ed autore di due assist tra cui quello decisivo. Per il City ottima prestazione di Tevez e del portiere Given, autore di interveti superlativi che purtroppo non sono bastati alla sua squadra.

Lascia qualche perplessità la decisione del tecnico Hughes di lasciare il centrocampo con 3 uomini regalando così agli avverdari un tempo e di conseguenza le chiavi del match.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *