“mangiare poco allunga la vita: parola di Umberto Veronesi”

Nel libro Longevità scritto in 10 giorni dal grande oncologo di fama mondiale, il professor Umberto Veronesi, viene spiegato in modo semplice e comprensibile a tutti come vivere bene e a lungo. Il segreto della longevità è racchiuso in due parole: ishokudoghen e yuimaru.

Ishokudoghen significa “il cibo è la tua medicina” e yuimaru definisce il senso di appartenenza alla famiglia e alla società sarebbero alla base della vita degli abitanti dell’isola di Okinawa, tra il Giappone e Taiwan e che èilluogo più longevo del mondo. L’età media è infatti 81,2 anni e il 20% della popolazione ha più di 100 anni.

La base alimentare degli abitanti di Okinawa è la frutta e la verdura, la soia e i suoi derivati, ilpesce e la alga kombu. Qui il consumo del riso è la metà di quella del Giappone, mentre quella del pesce il doppio. Mangiare poco e bene, questo quindi uno dei segreti di lunga vita, questo significa quindi mangiare il necessario.

Non introdurre più alimenti di quelli indispensabili significa introdurre meno sostanze nocive,in particolare cancerogene, che sono contenute negli alimenti e che nostro malgrado non siamo in grado di controllare. Consumare carne, specie rossa, è un avvelenamento progressivo. Non a caso, i vegetariani vivono più a lungo.

La carta vincente delle verdure invece sarebbero le radici attraverso le quali traggono nutrimento e che sono un filtro potentissimo che non lasciano passare molecole grandi quanto quelle cancerogene. E  poi, per depurarle basta lavare l’insalata. Uno studio su un campione di persone ha dimostrato che i loro valori quali glicemia, azotemia e colesterolo erano notevolmente migliorati in seguito al Ramadan, inoltre si è potuto testare come anche un semplice digiuno di appena due giorni fa tollerare meglio al paziente persino la chemioterapia.

Se a tutto ciòsi aggiunge la dimostrazione che lo stesso professore arriva a sera con un caffè, uno yogurt e al massimo una spremuta non ci resta che provare davvero a vivere meglio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *