Manovra economica del Governo, perchè è necessaria

Da qualche settimana tiene banco il tema della manovra economica che il governo Berlusconi deve varare.

La sua necessità è stata richiesta per rassicurare i mercati internazionali sulla solidità della situazione finanziaria del nostro Paese, da sempre sotto osservazione a causa del nostro debito pubblico tra i più alti del mondo. Essa è conseguenza diretta della crisi finanziaria della Grecia provocata dalla paura dei mercati internazionali, che essa non fosse in grado di onorare il proprio debito pubblico.

Queste paure sono state alimentate dal comportamento dei governanti di quel Paese, i quali, per anni, si sono servite di banche internazionali, le quali fornivano liquidità immediata in cambio di rimborsi futuri,consentendo l’omissione di   questi debiti dai bilanci pubblici. In questo modo si è riusciti a aggirare l’applicazione del patto di stabilità .

In questo modo veniva venduto come vero un deficit pubblico notevolmente inferiore a quello reale; è normale che, una volta scoperto l’inganno dovesse esplodere la crisi in tutta la sua drammaticità.

Ogni Stato si finanzia emettendo titoli di debito, i quali hanno valore e mercato se c’è unanime fiducia nella capacità di esso di onorare i suoi impegni alle scadenze previste, se viene meno questa fiducia il valore di quei titoli crolla è aumentano i tassi di interessi, il compenso offerto ai sottoscrittori dagli emittenti per convincerli a scegliere i propri titoli.

Aumentano così, le risorse necessarie per l’operazione di rifinanziamento del debito pubblico e si rende necessario  aumentare le tasse o ridurre la spesa pubblica o, nei casi più drammatici, la necessità di ricorrere agli aiuti internazionali per evitare il fallimento e la fuga dei capitali.

E’ chiaro che dopo la scoperta dell’imbroglio nessuno si fidava dei governanti Greci e si è reso necessario un gigantesco aiuto degli altri Paesi dell’Unione, del Fondo Monetario Internazionale a condizione che in Grecia si programmasse un gigantesco sforzo di risanamento economico.

In alcuni momenti le paure dei mercati si sono ampliate alla possibilità che altri Paesi fossero nella stessa condizione della Grecia con il terrore che potesse verificarsi il dissolvimento del sistema della moneta unica europea.

Ecco perchè Portogallo, Spagna, Italia hanno annuciato misure finanziarie, impreviste fino a qualche mese fa, per mandare messaggi rassicuranti ai mercati e disinnescare la paura di un effetto contagio della crisi Greca capace di far saltare il sistema della moneta unica europea, abilmente alimentata dalla speculazione internazionale sempre alla ricerca di ossi da spolpare per soddisfare le proprie brame di profitto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *