Marea nera petrolio: dichiarato stato emergenza in Louisiana

L’onda nera di petrolio, provieniente dal Messico, sembra proprio stia per invadere le coste della Louisiana e il disastro ambientale è imminente.

Non lo si è potuto evitare in alcun modo e adesso nonostante gli sforzi del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, che si è adoperato in tutti i modi per cercare di evitare il peggio, ci si deve rassegnare alla catastrofe in arrivo per l’ambiente.

Gli Stiti Uniti hanno mibilitato anche le loro risorse militari, proseguendo a lottare per tappare le falle di greggio che continuano a riversarsi in mare.

La piattaforma affondata in Messico sembra inarrestabile e il petrolio che si sta riversando ogni giorno in mare supera di 5 volte la portata delle stime fatte in questi giorni, dei 1000 barili stimati infatti, in realtà se  ne stanno riversando ben 5000 in mare ogni giorno.

La crescente perdita di petrolio interessa non solo la Louisiana, ma anche altre 3 Stati che sono L’Alabama, la Florida e il Mississippi.

Bobby Jinda, il governatore della Louisiana ha già dichiarato lo Stato di Emergenza e chiede aiuto intravedendo la marea nera di petrolio a soli 30 km dalle sue coste, e preventivando a sole poche ore l’arrivo dell’inquinamento ambientale dal petrolio sul suo Stato.

One Response

  1. silvio 30 aprile 2010

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *