Medici e Medicina di Marta Iacono

La Medicina e l’arte medica nell’antica Roma rappresentano lo studio, ricco di testimonianze e frutto di un lungo lavoro, della dottoressa Marta Iacono, studiosa delle arti e delle scienze nel mondo antico e appassionata dei temi legati allo sviluppo scientifico della medicina, che ha proprio i suoi germi nella Roma imperiale, dove all’inizio subì una fortissima repulsione ma in seguito divenne una delle arti primarie di quello che fu l’Impero più grande e scientificamente avanzato del mondo occidentale.

mediciemedicina

mediciemedicina

Il lavoro della dottoressa Iacono ha infatti gettato una nuova luce su come veniva considerata la medicina nella Roma antica, che la vedeva strettamente legata al culto degli antichi dei e quindi all’occultismo e ai poteri sovrannaturali. In pratica il mestiere del medico era nelle mani dei sacerdoti e degli aruspici, che interrogando le divinità pagana chiedevano il loro favore per curare le malattie.

Le epidemie e ogni forma di malattia che colpiva gli abitanti dell’impero venivano considerate come una sorta di castigo decretato dalle antiche divinità italiche contro una popolazione che si era macchiata di qualche atroce delitto e che semplicemente non rendeva il giusto onore agli dei. Il male veniva quindi curato non con la scienza ma con qualche sacrificio propiziatorio e con delle preghiere di lode e supplicazione.

Lo sviluppo di una scienza oggettiva legata alla medicina si deve al medico greco Asclepiade, che dalla lontana provincia della Bitinia introdusse le grandi scoperte mediche ottenute nella parte orientale, e più evoluta dal punto di vista del sapere empirico, a Roma nel 91 a.C..

Grazie alla sua opera la medicina scavò il suo posto in mezzo alle arti e alle scienza, distaccandosi dalle pratiche occulte e dal forte legame religioso che aveva avuto. L’evoluzione trovò però notevoli difficoltà dovute a una popolazione molto scettica verso le innovazioni introdotte dai greci e molto superstiziosa. I medici che si riversarono nell’impero erano poi quasi totalmente di origine greca, ciò che proprio non era plausibile per la popolazione latina che si riteneva superiore a quella greca sia in capacità che, e soprattutto, nelle virtù politiche e morali.

Lo stesso governo imperiale e il suo senato dovettero impegnarsi attivamente per far accettare alla popolazione latina la vera essenza delle ricerche scientifiche dei medici e dei filosofi greci, che pur non essendo latini avevano dato all’impero un grande servigio proprio dal punto di vista empirico.

Il testo può essere acquistato direttamente sul sito web della casa editrice GB EditoriA o sul sito della libreria Ibs al prezzo scontato di 11,90 euro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *