Microspie ambientali, e chiunque puo’ prevenire il crimine

I recenti sviluppi politici e legislativi in Italia consentono anche ai privati cittadini di rendersi utili al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica, con l’istituzione delle cosiddette ronde. Senza arrivare a tanto, e’ possibile prevenire il crimine anche nel proprio ambiente di lavoro, grazie all’utilizzo della moderna tecnologia di sorveglianza, ad esempio grazie alle microspie ambientali.

E’ quanto e’ capitato, ad esempio, in una fabbrica della zona ove risiede chi scrive. Il direttore della fabbrica aveva notato come, nel cortile della fabbrica stessa, da qualche tempo fosse iniziato un viavai di gente sconosciuta, alcuni dall’aspetto poco raccomandabile e dai modi piuttosto rudi. Tale viavai era concentrato specialmente in coincidenza dei cambi di turno e della pausa pranzo.

Incuriosito, fece compiere una discreta indagine interna, dalla quale risulto’ che questi strani figuri si presentavano in fabbrica per contattare un paio di operai, sempre gli stessi, che uscivano nel cortile ritornando al proprio posto dopo un’assenza di alcuni minuti. La scena si ripeteva almeno 2 o 3 volte al giorno.

Inoltre, poiche’ la citta’ non e’ certo una metropoli, basto’ chiedere in giro per accertarsi che alcuni dei visitatori erano dei piccoli spacciatori di droga della zona. A questo punto, il direttore della fabbrica era preoccupatissimo, e per accertarsi che i suoi timori fossero fondati, evitando di insospettire le persone coinvolte, ed anche per evitare eventuali ritorsioni, decise di agire in proprio senza informare la polizia.

Dopo una breve ricerca su Internet, tramite alcuni siti specializzati in apparecchiature di sorveglianza audio e video, decise di installare una serie di microspie ambientali, microfoni miniaturizzati e microspie video all’interno del reparto e nel cortile.

Si trattava di una serie di apparecchi di piccolissime dimensioni, occultati in prese elettriche, canali di ventilazione, ma anche all’interno di oggetti di uso comune quali calcolatrici da tavolo o lampade. Tali microtrasmettitori ambientali sono dotati di sensibilissimi microfoni e di radiotrasmettitori in miniatura, in grado di raccogliere le conversazioni ambientali con estrema chiarezza di segnale, e di ritrasmetterle via radio ad una distanza di alcune centinaia di metri, verso una stazione ricevente, collegata ad un registratore in modo da poter archiviare le conversazioni raccolte.

Inoltre,una microspia di ultima generazione puo’ essere dotata di un sistema di attivazione vocale automatica, che le consente di attivare la trasmissione soltanto in presenza di suoni o voci, ottimizzando pertanto le operazioni di sorveglianza. L’alimentazione puo’ essere a batteria al litio, o direttamente da rete elettrica.

Esistono inoltre alcuni tipi di microspia, detta microspia GSM, dotate di scheda SIM come quella di un normale cellulare, che possono trasmettere le conversazioni intercettate a qualsiasi distanza, semplicemente tramite una telefonata verso un numero predefinito. Il ricevente della chiamata potra’ pertanto trovarsi a qualsiasi distanza, e sara’ costantemente in contatto con la persona o l’ambiente da tenere sotto sorveglianza.

Tornando al nostro caso, il nostro direttore di fabbrica dovette aspettare soltanto alcuni giorni dopo che le sue microspie erano state installate, per scoprire che in effetti, all’interno della sua azienda si svolgeva un traffico di droga, e i suoi dipendenti erano dei trafficanti che rifornivano gli spacciatori di zona.
Le conversazioni raccolte erano state registrate su dei CD, di cui fece alcune copie inviandole in forma anonima ad alcuni commissariati di polizia della zona, in modo da assicurarsi l’anonimato, ed essere al contempo sicuro che qualcuno intervenisse.

In situazioni di questo tipo, il privato cittadino e’ legittimato ad agire, nell’interesse non solo della sua azienda, ma anche del bene e della sicurezza comuni. Ovviamente, tutto questo senza sostituirsi in alcun modo alle forze dell’ordine (anche per evitare rischi per la propria incolumita’), ma semplicemente facendo la propria parte aiutando le indagini.

Per maggiori informazioni su microspie, microfoni nascosti, apparecchiature di ascolto e microspie GSM, potete visitare il sito di Endoacustica, uno dei maggiori operatori del settore, attivo nel campo della sicurezza e sorveglianza con una esperienza pluriennale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *