Milano: 35 giorni oltre la soglia di PM10

Ci siamo. La fatidica soglia di 35 giorni, nell’arco di un anno, di sforamento dei limiti della concetrazione di PM10 nell’aria, concessa dall’Unione Europea è stata raggiunta in nemmeno 2 mesi dalla città di Milano.

E via alla procedura di infrazione per l’Italia.

Le misure straordinarie messe in atto per arginare l’inquinamento atmosferico non hanno sortito gli effetti desiderati. Non sono bastate due domeniche consecutive a piedi perchè a Milano i livelli di PM10 scendessero sotto il livello di guardia.

Oggi si riunisce un vertice tra tutti i sindaci dell’hinterland e i rappresentanti del settore commercio, uno dei più colpiti dalle conseguenze dell’inquinamento (si stima infatti che in un anno i costi derivati dal problema ambientale per ogni azienda assommino a 3.500 Euro).

Fino ad ora sono state adottate misure straordinarie ma non condivise. Milano ha bloccato il traffico (non è servito), Saronno ha abbassato il limite di velocità a 30 km/h (i risultati si potranno valutare solo sul lungo periodo), insomma ogni comune si è comportato in modo diverso.

Ci vogliono misure condivise e strutturali, un ulteriore blocco della circolazione se non inserito in un pacchetto di altre misure e largamente condiviso non porterebbe a risultati utili.

Non ci resta che attendere che le condizioni del tempo peggiorino, con qualche pioggia che contribuisca a far scendere il livello di PM10.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *