Mourinho: la polemica sul Clasico continua su Twitter

mourinhoCome si dice, il lupo perde il pelo ma non il vizio. Già in Italia Mou ci aveva abituato alle sue dichiarazioni shock e ai suoi comportamenti sopra le righe, ed in Spagna non è certo da meno.

L’allenatore portoghese continua a far parlare di sé, stavolta tramite il suo portavoce Eladio Paramés, che avrebbe “tweettato” svelando ulteriori retroscena sull’ultimo match tra Real e Barça.

Infatti, oltre al famoso scontro con l’arbitro Teixeira dopo la gara col Barcellona (riportato sul “Mundo Deportivo” il giorno dopo) secondo il portavoce dello Special One ci sarebbe stato un’altro caso. Paramés afferma sul famoso social network che Mourinho avrebbe affrontato, oltre all’arbitro, anche un dirigente del Barcellona, Carlos Naval, prima della partita.

“C’è molto altro – scrive Paramés – rispetto a quanto riportato su quel giornale. Mourinho aveva incontrato un dirigente del Barcellona, Carlos Naval, persona della quale lui ha grande stima, e – di fronte ad alcuni ‘uomini del Real’ gli ha detto ‘tu con gli occhi chiusi sai vedere molto di più di quello che gli altri vedono con gli occhi aperti…’”.

Inoltre, riporta testualmente anche molte delle ingiurie che Mou avrebbe rivolto a Teixeira:

“Artista, sei un artista, ti piace fottere quelli che lavorano, non rispetti i professionisti seri. Ora andrai a fumarti un sigaro con loro e riderai. Vergognati”.

Infine Paramés parla di Dani Alves, rivolgendo al giocatore alcune righe non proprio lusinghiere:

“Da quando è arrivato in Spagna, Dani Alves è molto diverso. Lo hanno operato alle orecchie e gliele hanno rimpicciolite. Ora usa occhialini da intellettuale, però un asino con le orecchie piccole e gli occhiali non può trasformarsi in un dottore. Rimane un asino”

La Spagna del calcio attende con ansia la prossima conferenza stampa dell’allenatore del Real: Mourinho confermerà quanto pubblicato dal suo portavoce o ne prenderà le distanze? Una cosa è certa: la tensione tra i due club è adesso più che mai alle stelle.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *