Musica gratis, legale, illimitata (e di qualità) con Jamendo

musica_gratis_libera_jamendo1

Se sei appassionato di musica, devi fare un salto su Jamendo.

È la più grande piattaforma Web di musica scaricabile gratuitamente e legalmente. Con il catalogo più grande di musica Creative Commons della rete. Offre numerosi vantaggi agli artisti ed è supportata da migliaia di membri attivi.

Musica libera e legale

Puoi scegliere tra migliaia di album di tutti i generi (classica, rock, punk …), scaricabili in diversi formati. Puoi scaricare un pezzo, salvando il file sul computer in mp3. O un intero album, in cartella zip, con i brani, la copertina dell’album e la licenza.

Puoi usare la musica nel tuo blog, nel tuo podcast o digital story.

La musica su Jamendo è “libera” perché non è depositata presso società di gestione collettiva (Siae, Sacem, Sabam, Gema, ecc.).

Jamendo è gratuito e legale grazie alle licenze Creatives Commons che permettono di scaricare e diffondere la musica in tutta legalità.

I vantaggi dei membri su Jamendo

Se ti registri ed entri nella comunità puoi anche:

  • creare il tuo spazio personale, gestire le tue playlist e album preferiti
  • invitare i tuoi amici e condividere la tua musica preferita
  • scrivere recensioni degli album che ascolti.

I vantaggi degli artisti su Jamendo

Se sei un artista, con Jamendo puoi pubblicare, condividere e promuovere la tua musica, con numerosi vantaggi.

  • La pubblicazione della tua musica su Jamendo ti garantisce la visibilità su internet.
  • Jamendo ti permette uno scambio di idee sulla tua musica, attraverso recensioni e forum, grazie ai numerosi membri e fan della comunità.
  • Puoi seguire la tua popolarità in ogni momento con l’aiuto di statistiche.
  • Puoi iscriverti a programmi commerciali per guadagnare soldi e avere più visibilità per la tua musica.
  • Puoi essere retribuito attraverso la distribuzione di ricavi pubblicitari e diverse partnership commerciali.

Jamendo è un punto di riferimento importante per chi crede ci siano alternative al copyright tradizionale e alla privatizzazione della cultura e della musica.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *