Musicoterapìa: Pink Floyd combattono la depressione

La vita senza musica sarebbe un errore“, diceva un grande filosofo tedesco, Immanuel Kant. Ed è  proprio ciò che hanno dimostrato scientificamente i ricercatori della Caledonian University di Glasgow, grazie ad un progetto di musicoterapia durato tre anni.

Gli studiosi, infatti, hanno fatto ascoltare diversi brani musicali a pazienti affetti da disturbi dell’umore, creando un grafico delle emozioni suscitate da ognuno e riuscendo così a comprendere quali siano le canzoni più adatte a risollevare l’umore e combattere la depressione.

I risultati sono stati a favore dei Pink Floyd, di Gloria Gaynor e del grande Louis Armstrong: “Comfortably numb“, “I will survive” e “What a wonderful world” sono infatti le canzoni più adatte per sentirsi allegri e dovrebbero essere ascoltate ogni mattina davanti ad un buon caffé.

Da evitare, invece, sarebbero “Cigarettes and Alcohol” degli Oasis,Everybody hurts” dei REM e “Another one bites the dust” dei Queen.

Anche “Sexual healing” di Marvin Gaye e “Healing hands” di Elton John sono tra i brani capaci di mettere di buon umore.

I risultati emersi dallo studio” – afferma il coordinatore del progetto, Don Knox – “vanno oltre ciò che abitualmente si pensa: un tempo lento ha spesso una maggiore capacità di risollevare l’umore rispetto ad un tempo veloce“.

Mp3 e cuffiette alla mano, allora. E buon ascolto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *