Nessun reato di omofobia: stop legge Concia

concia-paola-omofobia293 si, 250 no e 21 astenuti, questo il risultato della votazione sulla proposta della parlamentare Anna Laura Concia, del PD che proponeva un’aggiunta di agravante omofoba al codice penale.

La cosiddetta pregiudiziale doveva servire in quei reati come l’aggressione o denigramento ai danni degli omosessuali introducendo l’omofobia come aggravante.

Secondo Vladimir Luxuria non si accoglie il trattato di Lisbona che è contro la discriminazione sessuale, mentre per gli oppositori di Lega, PDL, UDC ed ex Responsabili se la legge fosse passata avrebbe creato un problema serio.

La discriminazione del cittadino “normale” che si sarebbe visto in svantaggio giuridico verso qualunque minoranza così come, secondo questi, succede negli USA, minando così la base costituzionale della parità degli individui.

Subito dopo il voto Concia ha preso la parola in aula affermando che “oggi la maggior parte del parlamento ha scelto di stare dalla parte dei violenti e non delle vittime, della violenza e della discriminazione..”.

Si difendono attraverso il capogruppo Cicchitto gli oppositori della legge affermando che non hanno nulla contro i gay ma che semplicemente li considerano ittadini uguali agli altri e che per questo contestano ogni atteggiamento giuridico che li possa differenziare dagli altri.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *