Neutrini più veloci della luce, alcuni fisici dissenzienti

Uno dei fondamenti della fisica moderna, ossia la non superabilità della velocità della luce, sembra essere stato infranto presso i laboratori del CERN di Ginevra. E’ lo stesso centro di ricerca a darne l’annuncio due giorni fa.

I ricercatori hanno misurato il tempo di volo che un fascio di neutrini  ha impiegato per percorrere la distanza che separa il laboratorio di Ginevra da quello presente sotto il Gran Sasso. La distanza di 730 km è stata coperta in un tempo di 60 nanosecondi (60 miliardesimi di secondo) inferiore a quello che avrebbe impiegato un fascio di luce: in pratica il fascio sembra aver viaggiato ad una velocità maggiore di 20 parti per milione di quella della luce.

Al CERN sono ovviamente molto cauti al riguardo: la distanza tra i due centri è stata misurata con grande precisione (errore inferiore a 20 centimetri) ed il tempo di volo con una accuratezza migliore di 10 nanosecondi, ma prima di diffondere i risultati i ricercatori hanno fatto controlli ripetuti e non hanno “trovato nessun effetto strumentale che possa spiegare il risultato delle misure”.

Il clamore suscitato è stato grandissimo e vi è unanime accordo che, se venisse confermato, l’impatto potenziale sulla scienza sarebbe troppo grande per poterne trarre immediate conclusioni od interpretazioni fisiche.

Ed è proprio sulla necessità di ulteriori controlli che anche dal centro di Ginevra viene una parola di cautela:è necessario infatti che misure altre indipendenti vengano effettuate prima che l’effetto possa essere scientificamente accettato:  Giappone e  Usa stanno già lavorando per mettere alla prova questa nuova affascinate teoria.

Secondo Marco Gianmarchi del Cnr, “circa 30 dei 160 scienziati internazionali impegnati nell’esperimento, non hanno firmato il preprint diffuso prima della conferenza del Cern. Avevano dubbi e avrebbero preferito pubblicarla innanzitutto su una rivista internazionale la quale, prima di accettare il lavoro, lo avrebbe sottoposto al tradizionale vaglio di altri esperti“.

2 Comments

  1. jon 25 settembre 2011
  2. gabryma 25 settembre 2011

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *