Nexus 4 targato LG: un clamoroso errore

Perché Google dovrebbe aver commesso un errore appoggiandosi, per la produzione dell’ultimo della fortunata serie di gioielli Nexus, alla famosa industria LG Electronics?

Il primo Nexus, il Nexus One, fu progettato da Google – come ogni Nexus, non andremo a ripeterlo – e prodotto dalla compagnia thailandese HTC; fu presentato nell’ormai lontano – in termini tecnologici – gennaio del 2010 ed ebbe un discreto successo tenendo conto del fatto che era una assoluta novità, un grande punto interrogativo nel mercato spietato della telefonia mobile, in cui anche colossi del calibro di Nokia e Motorola sono cadute per diversi anni nel baratro a causa di scelte poco fortunate.

Molta fortuna ebbe il Nexus S, presentato a dicembre dello stesso anno e, questa volta, prodotto da Samsung. Ottimo processore ARM Cortex-A8 da 1Ghz, buona fotocamera, ampio display super Amoled da 4 pollici, 16 gb di memoria di archiviazione e 512 mb di RAM,  bei materiali di costruzione. Insomma, gran bello smartphone sfornato dalla collaborazione di Google e Samsung che sembrava promettere bene anche per il futuro.

Ed infatti il rapporto fra l’azienda statunitense e quella sudcoreana si rinnova e porta alla nascita di un mostro: il Galaxy Nexus, presentato a novembre del 2011. Processore dual core ARM Cortex-A9 da 1.2 Ghz, 16/32 gb di memoria, 1 gb di RAM, display super Amoled HD da 4,65 pollici, fotocamera gagliarda, grande fluidità, rarissimi gli impuntamenti. Davvero uno smartphone fenomenale e il boom di vendite, che ancora oggi sono davvero molto numerose, ne rende giustizia.

Nexus 4

 

Veniamo ora a Novembre 2012, quando il Nexus 4 viene mostrato al mondo. Sicuramente a livello Hardware ha poco da invidiare ai top di gamma in circolazione, ma ha perso troppo in quanto a solidità dei materiali per far spazio ad un impatto visivo assolutamente fuori da quella che era la linea conduttrice che aveva collegato i tre precedenti Nexus. E’ un paradosso ma sembra che il N4 abbia molto di più di un iPhone che di un Nexus..il retro in vetro ne è solo un esempio. Di certo la notizia che N4 sarebbe stato prodotto da LG ha fatto storcere fin da subito il naso a moltissimi affezionati della gamma di Google dopo le felici esperienze avute con i precedenti prodotti da htc e Samsung, perché i terminali LG, purtroppo, non hanno mai dato quella sensazione di stabilità, fluidità, durevolezza che invece i rivali sopracitati hanno sempre assicurato. Questo scetticismo iniziale si è poi perpetrato ancor di più negli animi dei compratori italiani alla notizia che il Nexus 4 sarebbe stato commercializzato da Google in Europa, direttamente dal Play Store, ad un prezzo di 349 euro mentre in Italia le vendite sarebbero state effettuate da LG Electronics ad un prezzo di lancio di 599 euro. Non è difficile prevedere che nel giro di pochi mesi lo si potrà trovare ad un prezzo inferiore ai 450 euro ma questo di certo non sarà sufficiente perché il Nexus 4 possa anche lontanamente avvicinarsi al successo ottenuto dal suo predecessore Galaxy Nexus, che sono convinto gli sarà preferito dai più per tutto il 2013.

One Response

  1. albert 3 gennaio 2013

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *