Nucleare: esplosione in centrale francese di Marcoule

Il 12 settembre si è verificata un’esplosione nella centrale nucleare di Marcoule, la prima centrale nucleare costruita in Francia. La centrale esattamente è situata nella città di Chusclan, a 240 km dall’Italia (Ventimiglia).

La centrale possiede 3 reattori nessuno dei quali in funzione, l’ultimo fu dismesso nel 1984. Fino ad oggi la centrale ha ospitato impianti di dismissione di scorie nucleari dato che i suoi reattori un tempo molto innovativi risultavano superati dalle altre centrali.

L’esplosione di oggi ha causato la morte di una persona e altre 4 sarebbero rimaste ferite ma fortunatamente sembra non aver causato fughe di materiale radioattivo tanto che in Francia l’hanno già dichiarato “caso chiuso”.

Valerio Rossi Albertini, fisico del Cnr dichiara:

«le autorità francesi dicono che per ora non risultano fughe. D’altra parte non è detto che un incidente vada necessariamente a coinvolgere componenti radioattive, anzi».

In ogni caso, a Fukushima, che fu un incidente di certo molto più grave di questo, fu disposta l’evacuazione per un raggio di 20-30 chilometri, mentre Marcoule è a circa 300 chilometri dai confini italiani, che mi pare una distanza di sicurezza accettabile. Aspettiamo ulteriori dettagli dalle autorità francesi, ma per ora mi sembra non si possa parlare di rischi per l’Italia».

Per il momento non è quindi il caso di allarmarsi anche se è bene ricordare che anche noi abbiamo centrali nucleari dismesse in tutta Italia, molte anche in zone abbastanza rischiose e che forse, sulla base di esperienze altrui come Fukushima o come Marcoule, sarebbe il caso di fare un po più di attenzione ai nostri impianti ed alla loro manutenzione.

3 Comments

  1. pirla 13 settembre 2011
  2. gabryma 13 settembre 2011
  3. pirla 13 settembre 2011

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *