Nucleare: Il Governo dice “NO” alle centrali

Il Governo ha deciso di interrompere  l’iter per la costruzione di centrali nucleari sul suolo italiano e ha  deciso per l’abrogazione di tutte le norme precedenti previste per la realizzazione di suddetti impianti.

Attraverso un emendamento al decreto legge Omnibus è stato stabilito chenon si procede alla definizione e attuazione del programma di localizzazione, realizzazione ed esercizio sul territorio nazionale di impianti di produzione di energia elettrica nucleare”

La scelta dell’esecutivo avrà come immediata conseguenza l’abolizione del quesito riguardante il nucleare dal referendum del 12 e 13 Giugno prossimo. Il ministro dell’Economia Giulio Tremonti in questi ultimi giorni aveva dato dei segnali circa  una decisione simile  e oggi ha rilanciato l’idea di un maggiore investimento sulle fonti rinnovabili chiudendo di fatto la porta all’energia nucleare.

Sembra dunque essere tramontata definitivamente la costruzione di centrali nucleari in Italia, dopo che la Germania aveva deciso di uscire nel più breve tempo possibile dal programma nucleare a seguito alla catastrofe ancora in corso a Fukushima.

Sicuramente il disastro avvenuto in Giappone ha avuto il suo peso in questa scelta, mettendo la parola fine ad argomento controverso che ha animato il dibattito, politico e non, in questi ultimi mesi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *