‘O mare Poesia in napoletano

napoli‘O MARE

‘O mare, n’funneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun ce riusceva.

Teneva nu strano addore
n’addore ‘e n’animale che stà murenno
e me guardava fisso dinto all’uocchie,
cu chille suoi uocchie verdi.

Me implurava, affannava,
comme n’animale che stà murenno.

‘O mare n’nfunneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun ce riusceva.

Era ‘a primma vota
che ‘o mare me guardava accussì,
era ‘a primma vota che chille uocchie verdi
me guardavano cu chella tristezza,
cu chella angoscia, cu chiillo dulore.

Era proprio comme n’animale ferito
e cercava ‘e sé tenè afferato ‘a rena.

‘O mare n’funneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun cè riuscette.

‘O MARE

‘O mare, n’funneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun ce riusceva.

Teneva nu strano addore
n’addore ‘e n’animale che stà murenno
e me guardava fisso dinto all’uocchie,
cu chille suoi uocchie verdi.

Me implurava, affannava,
comme n’animale che stà murenno.

‘O mare n’nfunneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun ce riusceva.

Era ‘a primma vota
che ‘o mare me guardava accussì,
era ‘a primma vota che chille uocchie verdi
me guardavano cu chella tristezza,
cu chella angoscia, cu chiillo dulore.

Era proprio comme n’animale ferito
e cercava ‘e sé tenè afferato ‘a rena.

‘O mare n’funneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun cè riuscette.

‘O mare, n’funneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun ce riusceva.

Teneva nu strano addore
n’addore ‘e n’animale che stà murenno
e me guardava fisso dinto all’uocchie,
cu chille suoi uocchie verdi.

Me implurava, affannava,
comme n’animale che stà murenno.

‘O mare n’nfunneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun ce riusceva.

Era ‘a primma vota
che ‘o mare me guardava accussì,
era ‘a primma vota che chille uocchie verdi
me guardavano cu chella tristezza,
cu chella angoscia, cu chiillo dulore.

Era proprio comme n’animale ferito
e cercava ‘e sé tenè afferato ‘a rena.

‘O mare n’funneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun cè riuscette.

‘O MARE

‘O mare, n’funneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun ce riusceva.

Teneva nu strano addore
n’addore ‘e n’animale che stà murenno
e me guardava fisso dinto all’uocchie,
cu chille suoi uocchie verdi.

Me implurava, affannava,
comme n’animale che stà murenno.

‘O mare n’nfunneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun ce riusceva.

Era ‘a primma vota
che ‘o mare me guardava accussì,
era ‘a primma vota che chille uocchie verdi
me guardavano cu chella tristezza,
cu chella angoscia, cu chiillo dulore.

Era proprio comme n’animale ferito
e cercava ‘e sé tenè afferato ‘a rena.

‘O mare n’funneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun cè riuscette.

‘O MARE

‘O mare, n’funneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun ce riusceva.

Teneva nu strano addore
n’addore ‘e n’animale che stà murenno
e me guardava fisso dinto all’uocchie,
cu chille suoi uocchie verdi.

Me implurava, affannava,
comme n’animale che stà murenno.

‘O mare n’nfunneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun ce riusceva.

Era ‘a primma vota
che ‘o mare me guardava accussì,
era ‘a primma vota che chille uocchie verdi
me guardavano cu chella tristezza,
cu chella angoscia, cu chiillo dulore.

Era proprio comme n’animale ferito
e cercava ‘e sé tenè afferato ‘a rena.

‘O mare n’funneva ‘a rena
e me guardava fisso dinto all’uocchie
cercava e me dicere quaccosa
ma nun cè riuscette.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *