Ordinano pizza alla “merda” per scherzo, il fattorino gliela porta davvero

Un semplice scherzo fatto da quattro ragazzi della periferia di Londra si è concluso nella maniera più insolita e imprevedibile. I quattro buontemponi, per passare un po’ di tempo e farsi delle grasse risate alle spalle di un pizzaiolo, hanno telefonato a una pizzeria lì vicino, e dopo aver ordinato pizze e bibite per la serata, hanno concluso con la richiesta di due pizze speciali, con merda e testicoli di toro fritto, spiegando anche come dovevano essere queste pizze, dando poi ovviamente un indirizzo fasullo.

Una volta agganciata la cornetta i ragazzi, dopo essersi divertiti anche ad immaginare il sapore di quella pizza, credevano fosse finita lì se non fosse che la pizzeria che avevano chiamato, per facilitare gli ordini e le consegne a domicilio, aveva da poco iniziato ad utilizzare un computer per la localizzazione delle telefonate. La serata continuo per i giovani che non pensavano proprio a quello che gli aspettava da lì a poco.

Infatti, dopo mezz’ora dalla chiamata i ragazzi sentono bussare e con grande sorpresa si trovano di fronte il pizzaiolo con in mano due pizze. Il fattorino dopo essersi sincerato che l’indirizzo era esattamente quello, ha tirato la pizza spalmata di feci a mo di pomodoro, addosso a uno dei simpatici amici, scusandosi poi per l’assenza dei testicoli di toro, poiché non era stagione. Decise di non farsi nemmeno pagare per il servizio, data l’assenza dei testicoli, quindi una volta lasciata l’altra pizza, tra lo stupore generale, andò via.

Ovviamente il gestore della pizzeria venne denunciato per il gesto ma l’episodio divertente, grazie al passaparola, gli tornò utile. Tante persone cominciarono a parlarne e raccontarla in giro, tanti altri andavano a trovarlo per farsela raccontare, così ha cambiato il nome della pizzeria da “My sweet Speedy pizza” a “My sweet Shitty pizza”, ed è arrivato il successo grazie a questa straordinaria storia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *