Partorisce bimbo di colore: marito chiede risarcimento

E’ uno degli incubi più ricorrenti nei mariti nostrani, nonchè uno dei temi prediletti per le barzellette. Questo incubo è divenuto realtà per un 43enne romano sposato con un’interprete russa.

La donna, rimasta incinta nel febbraio del 2010, decise di seguire la gravidanza a San Pietroburgo, sua città natale. Come si legge nel ricorso, a novembre la donna mise alla luce il bambino in assenza del marito, assente per importanti impegni lavorativi.

Quando quest’ultimo raggiunse la moglie, si ritrovò davanti l’amara sorpresa: il bambino è di colore, con tratti somatici incompatibili a quelli dei genitori. L’uomo, ferito nell’orgoglio, decise di tornare in Italia senza ascoltare le motivazioni della moglie.

Negli ultimi giorni la vicenda ha avuto il suo epilogo: soltanto nel gennaio del 2011 l’uomo ha saputo, sempre secondo il ricorso, che il piccolo Yuri (questo il nome del “frutto del peccato”) è nato da una relazione tra la sua consorte e un collega della Costa d’Avorio.

Da qui la decisione di presentare in tribunale, oltre alla richiesta di separazione con addebito, anche un’istanza di risarcimento di 100 mila euro alla moglie.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *