Paypal

Paypal nasce nel 1999 da un’idea di Peter Thiel ed un gruppo di amici della Stanford university creando una società con il nome di Confinity.

Peter Thiel finanzia Max Levchin, un programmatore di software che vorrebbe realizzare un programma che permetta in sicurezza lo scambio dei fondi mediante computer.

L’idea base è più o meno quella dell’attuale Paypal ed il successo è immediato. I finanziatori non mancano, tra esi troviamo Nokia Deutsche Bank, ecc.

Il rovescio della medaglia di così tanto succeso furono gli attacchi di hackers per farne frodi e furti di danaro.

Tant’è che per un periodo fu bandito negli U.S.A e sotto inchiesta da parte di F.B.I. e C.I.A.

Ma l’idea è buona e Paypal potè continuare ad esistere.

Nel 2002 Ebay acquista Paypal per una cifra record di 1,4 milioni di dollari.

Paypal è lo strumento online per trasferire fondi nel modo elettronico. Si può pagare un asta di eBay, acquistare prodotti da un sito online oppure fare una donazione semplicemente usando il proprio PC.

E’ come fare un vaglia postale a qualcuno ma con la differenza che con il sistema di Paypal l’accredito è istantaneo, viene fatto in differenti valute ed inviato in ogni parte del mondo.

L’iscrizione a Paypal è gratuita e l’invio può essere fatto a qualsiasi persona che abbia un indirizzo email (non necessariamente deve già avere un utenza su Paypal).

All’indirizzo email sarà inviata una mail (in automatico) che lo avviserà di un accredito bello e pronto per lui su Paypal.

Solo a quel punto, una volta registratosi, potrà entrare nel suo conto corrente virtuale e controllare quanti soldi possiede e chi li ha accreditati.

Se lo desidera, fornirà i suoi dati bancari per farseli accreditare sul suo conto corrente (quello reale) o tenerli nel conto virtuale di Paypal ed usarli per altri pagamenti, usando la stessa procedura.

Queste sono le possibilità offerte da Paypal per il prelievo dei propri fondi:

* Richiesta di un assegno da Paypal (costo 1,50 USD)
* Prelevamento da un ATM (bancomat) (costo 1,00 USD)
* Accredito sul proprio conto corrente (gratuito)
* Acquisti online su altri siti che prevedono Paypal (gratuito)

La registrazione a Paypal è semplice e gratuita.

All’interno del sito basta cliccare sul tasto REGISTRATI SUBITO.

Al momento della registrazione si potranno scegliere due accounts: PERSONAL oppure BUSINESS o PREMIER.

Il conto PERSONAL va bene solo per i pagamenti delle aste su EBAY o per qualsiasi altro acquisto online.

Il BUSINES o PREMIER va bene solo se siete dei commercianti e volete sempre dei servizi aggiuntivi.

La scelta non è vincolante e sarete sempre in grado di cambiare il vostro tipo di account a seconda delle vostre esigenze.

Dopo aver scelto il tipo di account sarà la volta dei dati personali (nome, cognome, indirizzo, stato , email) e e le solite domande per la sicurezza che vi verranno riproposte da Paypal qualora doveste dimenticare la password.

Alla fine del processo di registrazione potrete indicare (è facoltativo) il numero della vostra carta di credito che vi permetterà di:

Essere identificato da Paypal tramite il circuito bancario e per questo definirvi come un Utente verificato.

Essere un utente verificato è importante, vuol dire che i vostri dati personali sono proprio quelli della carta di credito ed avrete un’ottima reputazione su Paypal.

Pagare acquisti online senza obbligo di inserire ogni volta il numero di carta di credito su Internet perchè una volta comunicato il numero a Paypal, sarà Paypal a gestire le transazioni tra voi ed il negozio online e non sarà più necessario digitare il proprio numero di Carta di credito.

Potrete benissimo comunicare il vostro numero di Conto Corrente per poter spostare i soldi da Paypal alla vostra banca.

Tutto ciò può essere fatto in un secondo momento o quando lo desiderate.

Quello che fa Paypal è piuttosto semplice, si interpone tra l’acquirente ed il venditore avendo cura che l’addebito ed il pagamento vengano portati a buon fine nei vari circuiti bancari (ne esistono di differenti e sono legati alle carte di credito, di debito, alle banche e a tanti altri strumenti).

Il guadagno di Paypal proviene dalle tariffe applicate ad ogni transazione, infatti chi riceve i soldi paga una tariffa pari ad alcuni centesimi di euro più un’irrisoria percentuale sull’ammontare della transazione stessa.

I soldi dei conti correnti virtuali degli utenti di Paypal sono nella realtà inseriti in conti correnti molto reali di Paypal che fruttano diversi milioni di dollari grazie agli interessi annuali con le banche.

Con 85 milioni di utenti Paypal tutto è possibile.

tariffe-paypal

Una volta fatto l’acceso a Paypal, l’invio di danaro è semplice.

Si entra in una pagina come questa in cui bisognerà specificare l’indirizzo email del destinatario (cioè a chi mandare i soldi); l’ammontare dell’accredito; la valuta; altri dati opzionali e saranno dei riferimenti ad eBay o ad altre aste online.

come-pagare-paypal

Una volta confermati i dati, Paypal verifica i fondi disponibili sul vostro conto corrente virtuale e se ci sono abbastanza fondi, userà questi per effettuare il pagamento. Nel caso contrario preleverà la differenza che serve direttamente dalla vostra Carta di Credito.

Per l’acquisto online e l’invio di soldi in questo modo è necessario che il venditore accetti Paypal e prima di fare un pagamento del genere accertatevi sempre che il logo PayPal sia presente tra i metodi di pagamento possibili.

Se siete entrati in un sito che non accetta Paypal ma solo carte di credito, potete usare comunque Paypal grazie ad una nuova ide a introdotta in questi ultimi mesi sul sito. Con la Paypal DebitBar fate sicchè Paypal generi gratis per voi un numero di carta di credito MasterCard od altro con cui potrete pagare l’acquisto ed i soldi dell’addebito ovviamente vi verranno presi dal vostro conto Paypal.

Strano a sentirsi ma vero, Paypal per quanto seria ed affidabile sembra avere qualche criticone detrattore.

Una critica può essere è che questa società opera come una banca ma nella realtà non lo è.

Significa che in realtà gli utenti pagano delle tariffe sulle transazioni che effettuano (come per le normali banche) ma non hanno nessuna copertura o rimborso in caso di frode o di disputa.

Allo stesso tempo Paypal con i soldi degli utenti incassa milioni di dollari di interessi.

Uno dei problemi più noti con Paypal è il congelamento del proprio conto corrente e quando succede, i vostri soldi nel conto non possono essere più toccati fino alla risoluzione del problema.

E’ necessario comunicare con l’area clienti per capire il problema e risolverlo ma nel frattempo i vostri soldi non possono essere usati.

Tempo fa ex dipendenti di Paypal avevano accusato la società di usare questi mezzi a scapito degli utenti.

I più maliziosi pensano che le operazioni di blocco temporaneo dei conti correnti servono per avere più soldi sui conti Paypal e quindi far aumentare gli interessi!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *