Pdl: cambiamenti in vista

Berlusconi non ha semplicemente deciso di riprendere le redini della sua creatura, ma sembrerebbe abbia in programma anche un cambiamento radicale al suo interno. Un cambio d’immagine sostanziale.

Il Cavaliere punta a far spazio all’interno del partito al vasto movimento dei quarantenni che fino ad oggi hanno lavorato dietro le quinte ed ora potrebbero dare al Pdl quella ventata di aria nuova e soprattutto pulita tanto attesa dagli elettori.

A fare spazio ai nuovi, dovrebbero essere quella schiera di ultrasessantenni e addirittura qualche ottantenne che affollano i banchi del Senato e tutti quelli che in qualche modo hanno sposato altre cause durante l’assenza di Silvio. E poi, diciamocelo chiaramente, ci sarà anche qualche epurazione di personaggi ritenuti scomodi, vedasi Tremonti e Pisanu su tutti.

In merito il sito di un noto quotidiano ha proposto un sondaggio chiedendo ai propri lettori chi non vorrebbero rivedere in Parlamento dei nomi di spicco del Pdl. Al primo posto, in negativo ovviamente, si è piazzata Daniela Santanchè seguita da Claudio Scajola e Fabrizio Cicchitto.

Intanto non si ferma il toto-nome per la vice di Berlusconi. I nomi caldi sono quelli della fedelissima ex Ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, la giovanissima europarlamentare Lara Comi, l’ex Ministro della Gioventù Giorgia Meloni, molto apprezzata dagli ex An e la new entry Federica Guidi, presidente dei giovani industriali di Confindustria. 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *