Perchè coltivare l’orto insieme ai bambini

Lo sai che attività come il giardinaggio e la coltivazione di un orto contribuiscono a migliorare la capacità di concentrazione e di osservazione dei bambini? Non c’è bisogno di essere esperti di agronomia o avere un grande terreno per fare un piccolo orto in casa, dove i bambini possano riprendere contatto con la terra e i cicli della natura.

Con un po’ di volontà e organizzazione si può fare un’attività molto indicata da condividere con i piccoli di casa. In questo modo i bambini imparano a osservare e curare le piante, acquisiscono amore per l’ambiente, si divertono e si intrattengono in occupazioni che sviluppano la loro immaginazione e la fantasia.

Quali sono i benefici per i bambini di coltivare un orto?

Imparano a conoscere la natura. Toccare la terra con le mani, annusare, osservare, è qualcosa di fondamentale per i bambini che sta lentamente scomparendo nelle nuove dinamiche di vita urbana, qualcosa che vale molto di più di qualsiasi lezione teorica tra le mura di una scuola. Ogni nuova esperienza pone nuove domande a cui trovare risposta. Imparano che tutti gli esseri viventi hanno il proprio ruolo in un ecosistema: anche un afide che da fastidio alle piante può essere il nutrimento di una coccinella o di un altro insetto più grande, in una catena che coinvolge tutta la natura.

Responsabilità e autostima. Anche da piccoli possiamo affidargli dei compiti facili da svolgere, come innaffiare le piante con un piccolo innaffiatoio proprio per loro. Veder crescere le piante che loro stessi hanno coltivato li farà sentire orgogliosi, migliorerà la loro autostima e gli insegnerà che con pazienza e dedizione si possono ottenere ottimi risultati, anche se qualche volte le cose non vanno come previsto.

Giardinaggio insieme ai bambini.

Meno attività sedentarie come la tv. Lavorare con le piante è rilassante e produce benessere, passare del tempo nell’orto con i piccoli aiuta a comunicare e rafforzare legami, anche tra i bambini. Non bisogna pretendere che metteno da parte le altre attività, l’uso delle nuove tecnologie può avere anche dei vantaggi se non si esagera. Ma in questo modo possono divertirsi in maniera nuova e diversa, avere più possibilità di scelta e passare maggior tempo all’aperto e meno davanti a un videogioco.

Migliora le abilità intellettive e fisiche. Un giardino è uno spazio che permette al bambino di concentrarsi su una specifica attività, con pazienza, e questa concentrazione favorisce l’aumento delle capacità intellettuali. Quasi senza volerlo si impara la logica che sta dietro determinate azioni: bisogna irrigare le piante e questo si fa in certi momenti a seconda della stagione, in estate di sera in modo che l’acqua non evapori con il calore, mentre in inverno di mattina in modo che non congeli durante la notte e danneggi le piante. Con la pratica un orto offre anche la possibilità di praticare una moderata attività fisica.

Fanno mangiare meglio. Sappiamo bene che frutta e verdura sono gli alimenti che i bambini mangiano più difficilmente, anche se ne hanno molto bisogno. Ma si rifiuterebbero di mangiare una lattuga piantata e cresciuta da loro stessi? Un’azione pratica in questo caso può valere più di mille esortazioni a mangiare e assicurazioni sulla bontà delle verdure.

Migliora le relazioni con gli altri. Il tempo che passano in un orto o in un giardino non lo passano certamente da soli, ma con altri membri della famiglia, anche di generazioni diverse. I nonni, che hanno sicuramente maggiore conoscenza, possono spiegare ai nipoti e agli altri familiari quello che sanno e questo è meraviglioso. Nel caso di orti didattici o orti urbani condivisi possono stabilire interessanti relazioni con i loro pari, imparare e confrontarsi con amici e vicini o altri adulti.

Attività nell’orto per i bambini

Se lo spazio è limitato a balconi e terrazzi la scelta delle piante da coltivare per l’orto è limitata a quelle di dimensioni non troppo grandi. Possiamo usare vasi e fioriere oppure un tavolo da coltivazione, purchè tutte le piante abbiano la giusta quantità di luce solare. Se vogliamo rendere l’orto un’attività da fare per tutto l’anno, è opportuno combinare colture a ciclo breve, come la lattuga, ad altre a ciclo più lungo, come le carote.

Tenete presente che non tutti gli ortaggi “vanno d’accordo” e possono essere piantati insieme, perchè possono competere per luce e nutrimenti del terreno, senza svilupparsi correttamente. Su www.orto24.it puoi trovare informazioni dettagliate su come coltivare le piante dell’orto, quali pratiche seguire per farle crescere meglio e come associarle. Lattuga, radicchio, bietole, cipolle, ravanelli, sono quelle più popolari perchè si coltivano facilmente e crescono relativamente velocemente. Anche le profumate erbe aromatiche (rosmarino, basilico, menta, origano, prezzemolo) sono una possibilità interessante da considerare: sono facili da coltivare, possono crescere in vaso in interni luminosi e ne possiamo prendere delle foglie da usare in cucina insieme ai bambini.

In giardino i bambini possono aiutare in piccole attività di manutenzione, come per esempio innaffiare o raccogliere le foglie secche, ma per loro sarà molto più divertente e gratificante se ogni tanto possono raccogliere dei pomodori o piantare una profumata lavanda vicino alle siepi, che ha anche fiori colorati molto belli. L’ideale è coniugare l’aspetto ornamentale delle piante con altre utilità come imparare, divertirsi e poi ovviamente mangiare quando arriva il momento del raccolto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *