Piccola “sorpresa” per le vacanze pasquali….

Pare proprio che nemmeno in vacanza gli italiani potranno dimenticare le recenti “stangate” che stanno assottigliando le loro entrate : infatti, basterà passare una sola notte in albergo in una delle circa 500 località del nostro Paese, per ritrovarsi improvvisamente addebitata una cifra che potrà variare dai 50 centesimi fino ad un massimo di 5 euro per ogni notte passata.

 In realtà, non si tratta di un nuovo balzello del governo Monti, ma la tassa fu introdotta in maniera alquanto silenziosa già un anno fa, nel famoso decreto sul federalismo fiscale : in pratica, però, furono pochi i Comuni che l’applicarono.

 Quella del ponte pasquale, è una prova generale per la prossima estate, dove ci sarà bisogno di “fare cassa” per risollevare il settore turistico. Ancora non sono molto chiare le modalità di applicazione della nuova imposta, c’è chi farà pagare anche i bambini, c’è chi ha fissato invece una soglia d’età, chi farà scattare la tassa solo per i primi giorni, chi, inoltre, provvederà un’esenzione per i disabili.

 Ma quanto potrà incidere sulle tasche degli italiani questo provvedimento? Si calcola che, in media, una famiglia con un bambino che si recherà al mare e soggiornerà in un Hotel a 3 stelle per una settimana, spenderà 45 euro in più a Capri, 21 a Villasimius in Sardegna e circa 11 euro a Vieste in Puglia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *