Pippo Baudo, “trattato in modo disumano”

Pippo Baudo, monumento della televisione italiana, si e’ sfogato amaramente durante la presentazione della sua nuova trasmissione ‘Novecento” a causa del trattamento ricevuto dalla dirigenza della Rai.

Rivolgendosi direttamente al consigliere d’amministrazione Rizzo Nervo si e’ lamentato per il fatto che nessuna parola e’ stata spesa per la sua collocazione per mesi e mesi, definendo “disumano” il trattamento a lui riservato.

Pippo Baudo ha ringraziato i soli che lo hanno perso in considerazione, Antonio Marano e Lorenza Lei, i quali gli hanno proposto un contratto triennale a condizioni economiche “inferiori del 75% a quelle dei conduttori piu’ in voga” ha denunciato il Pippone nazionale.

“Non e’ un problema di soldi, ma una questione di dignita’”- ha precisato Baudo -“.Una persona che ha dato tanto all’azienda non pue’ essere sminuito e ferito nel suo orgoglio professionale. Avevo deciso di farla finita con la Tv, e non sarei rimasto in video a tutti i costi”.

Il popolare conduttore ha sottolineato, che il suo sfogo e’ dovuto al suo carattere, che gli impone di dire sempre quello che pensa, e , se non avesse avuto la possibilita’ di lavorare ad progetti di qualita’ come “Novecento” su Raitre o un prossimo speciale in prime time con Bruno Vespa, se ne sarebbe andato senza alcun problema.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *