Pistoia: faccia a faccia delle maestre con i video delle violenze

Cip-CiopLe maestre dell’asilo nido privato di Pistoia Cip-Ciop, affermano di essere sotto stress e di avere problemi e disagi, che le hanno portate a lavorare anche 10 ore ogni giorno.

Non vogliamo commentare le loro scuse, fuori luogo e assolutamente inaccettabili. Per l’insegnante Elena Pesce 28 anni e la direttrice Anna Laura Scuderi 41 anni, si preannunciano tempi duri in arrivo.

I genitori dei poveri bambini maltrattati, costretti a subire punizioni e violenze inguistificabili, inorriditi e rabbiosi, sono pronti a farsi giustizia da soli nel caso le maestre non avessero le dovute punizioni dalla giustizia.

Intanto restano in carcere entrambe, nella stessa cella, dopo la convalida dell’arresto.

Per adesso sono in isolamento, come una sorta di protezione dalle altre detenute, anche loro madri magari, ma prima o poi verranno messe insieme alle altre, e si può immaginare la loro reazione, e le ripercussioni che le due nuove detenute potranno subire.

Far del male ai bambini anche per chi è in carcere è insopportabile e inaccettabile, e come una sorta di astratto codice d’onore potrebbe venir punito anche con la vita.

Anche su FaceBook si è tutti uniti contro queste 2 maestre senza scrupoli, arrivando al punto di scrivere minacce e improperi con nome e numero di telefono!

Ora, Elena Pesce e Anna Laura Scuderi sono state messe dinanzi ai video girati dagli investigatori, e a riguardare tutte le atrocità che hanno commesso sui bambini. La direttrice non si mostra davvero pentita e afferma di aver picchiato solo una bimba di 14 mesi, per gli altri solo ceffoni!

Mentre l’altra afferma di vergognarsi e di essersi quanto meno pentita davvero.

Ecco le foto: VIOLENZE ASILO NIDO PISTOIA.

10 Comments

  1. lorenzo 5 dicembre 2009
  2. martina 6 dicembre 2009
  3. davide 8 dicembre 2009
  4. davide 8 dicembre 2009
  5. annarita 9 dicembre 2009
  6. annarita 9 dicembre 2009
  7. francesca 10 dicembre 2009
  8. alessandra 10 dicembre 2009
  9. alessandra 10 dicembre 2009

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *