Quando il web aiuta la letteratura

Si chiama ” www.anobii.com ” ed è il primo grande social network dedicato alla letteratura.

Funziona come un’ immenso archivio online, nel quale i lettori possono inserire i libri letti, i libri da leggere e quelli abbandonati dopo poche pagine. Tramite un’ applicazione gratuita per l’ iPhone basta fotografare il codice a barre del libro per vederlo inserito nella propria libreria virtuale.

Inoltre è possibile dare una propria valutazione dell’ opera, aggiungere commenti e recensioni e, per i più meticolosi, anno mese e giorno di inizio e fine lettura e il luogo preciso in cui il libro è stato acquistato o da quale biblioteca è stato preso in prestito.

Proprio come nelle più famose community si possono consultare le pagine degli amici e le rispettive librerie, permette inoltre di ampliare la propria cerchia di contatti poichè viene eseguito un calcolo in automatico di affinità tra la propria libreria e quella degli altri, potendo così consultare quelle più vicine ai propri gusti letterari.

Agli utenti registrati è consentito lo scambio e la vendita dei propri libri.
Il social network è diffuso in 15 lingue diverse, classificando oltre i 27 milioni di libri.

Il nome particolare del sito ” aNobi ” deriva da  Anobium Punctatum ovvero il tarlo della carta, l’ equivalente del nostro ” topo da biblioteca “.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *