Real Madrid, comincia l’era Mourinho

Il Real Madrid ha presentato il nuovo allenatore: il fresco vincitore della Champions League Jose Mourinho. Alla conferenza ufficiale di presentazione si e’ presentato un uomo rilassato, conscio di avere fatto grandi cose all’Inter, ma voglioso di mettersi il passato alle spalle per cominciare la nuova avventura.

Mourinho ha affermato che un allenatore per definirsi completo deve allenare il Real Madrid, perche’ per la sua storia e il suo fascino e’ una squadra tutta particolare.

Alla domanda su cosa farebbe nel caso, a fine anno, il suo Real non dovesse vincere il campionato, egli ha risposto che non sentirebbe il bisogno di dimettersi, perche’ ha quattro anni di contratto e, in genere, il perfetto equilibrio tra un nuovo allenatore e la sua squadra si raggiunge dopo due anni, come la sua vicenda all’Inter dimostra.

Riferendosi a quest’ultima, Mourinho ha detto che non dimentichera’ mai i giocatori straordinari, che gli hanno permesso di vincere tutto quest’anno e che il prossimo allenatore di quella squadra sara’ molto fortunato perche’ lui ha lasciato un gruppo vincente oltre alla possibilita’ di vincere due trofei.

Mourinho ha dedicato un pensiero al calcio italiano dal quale, ha detto, di avere imparato tanto, ma ora il suo unico pensiero e’ relativo alla costruzione di un grande Real, che possa vincere tutto e si ispira alla filosofia diventato un amrchio di fabbrica dell’allenatore portoghese:la forza del gruppo nel quale tutti devono dare il propri ocontributo nell’interesse massimo del collettivo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *