Realizzate macchine sferiche in stile ”Star Wars” in Giappone e a Berlino

In Giappone, il Ministero della Fifesa ha presentato al pubblico un rivoluzionario apparecchio volante a forma di sfera che pare essere preso dalla saga cinematografica di ”Guerre Stellari”. La macchina è minuscola, infatti il suo peso ammonta solo a 350 gr., tuttavia essa è già capace di prefugurare una nuova dimensione di volo. Questa macchina può decollare e atterrare in verticale al pari di un elicottero, stazionare in aria e viaggiare, come prototipo, a sessanta km orari.

Una volta atterrata, la macchina è in grado di muoversi su ogni tipologia di terreno, grazie all’ausilio di una rete di sensori. Appare meno elaborata, invece, la palla ideata da Thomas Pfeil, ingegnere informatico facente parte dell’Università di Berlino (Germania). L’ingegnere ha creato un tipo di macchina fotografica di forma sferica fornita di 36 obiettivi e due mega-pixel.

Non si tratta di un dispositivo volante ma se lo strumento in questione viene lanciato in aria, esso scatta velocemente una sequenza di fotografie nel momento in cui raggiunge il massimo della traiettoria, fornendo in questo modo immagini panoramiche di qualità eccellente.

E quando ricade a terra, la macchina assorbe l’impatto grazie a un guscio fatto di materia schiumosa. Quello che manca a quest’apparecchio è soltanto la capacità di volare da sè. Mettendo insieme i requisiti delle 2 sfere, si potrebbe ricavare un oggetto utile all’addestramento dei ‘Cavalieri Jedi‘ (organizzazione monastica di fantasia), proprio come nel caso di ”Star Wars”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *