Religioni e Religiosità in Italia

La religione più diffusa in Italia è il Cristianesimo, presente fin dai tempi apostolici e la confessione maggiore è il Cattolicesimo. In Italia, sono presenti anche diverse altre confessioni cristiane, qui cercheremo di citare le più conosciute, tra le prime voglio citare ci sono i fedeli ortodossi (sono quasi 1,3 milioni, per lo più di recente immigrazione); i protestanti (circa 750.000 e la maggioranza di essi è pentecostale come le Assemblee di Dio che contano circa 400.000 membri), sebbene a lungo il cristianesimo riformato in Italia sia stato identificato principalmente con la comunità valdese.

Di antica origine anche è la comunità ebraica italiana, che ammonta oggi a circa 36.000 fedeli. Più recente è la diffusione dei movimenti di ispirazione cristiana dei mormoni, che conta 22.000 fedeli, e dei testimoni di Geova, che conta circa 243.400 aderenti. La diffusione di altre religioni non appartenenti al Cristianesimo è stata in gran parte determinata dai fenomeni migratori degli ultimi decenni: si stima che in Italia risiedano oggi oltre 1,2 milioni di musulmani secondo la Lega Musulmana Mondiale e tra 600.000 e 650.000 secondo Caritas,103.000 buddisti, 108.000 induisti,25.000 sikh e 45.000 animisti. I movimenti neopagani contano poco più di 13.000 aderenti.

Riguardo alle statistiche sulle religioni presenti in Italia ci sono dei  problemi di calcolo dovuto al fatto che i numeri dei credenti sono spesso elaborati tramite i riti  delle varie religioni tipo il battesimo.  Questo sistema non tiene conto però di quelle persone che abbandonano ogni tipo di fede e di chi si ritiene apertamente ‘ateo, che stima all’ incirca almeno 9 milioni di cittadini. Questo problema è molto importante soprattutto per la Chiesa cattolica.

In Italia quindi  nella moltitudine di religioni la scelta è vasta e varia e forse per alcuni anche confusionaria,la cosa certa è che come in buona parte delle situazioni, la verità sta sempre nel mezzo, forse in ognuna ci sta un “Pezzo di verità” ….chissà.

2 Comments

  1. doroty20 19 maggio 2012
  2. teddyrm 20 maggio 2012

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *