Ritrovato il neonato rapito a Nocera

E’ durata “solo” circa 10 ore la triste storia del rapimento del neonato, il piccolo Luca. Dopo un blitz delle forze dell’ordine nell’appartamento della donna, la famiglia del neonato può finalmente riabbracciare il loro piccolo.

Determinante al fine dello sviluppo delle indagini sono state le confessioni nel pomeriggio nella caserma dei militari da parte di un medico dell’Umberto I, il quale aveva visto uscire l’infermiera con il piccolo in braccio mentre lui faceva il suo ingresso in Ospedale; ha così ricostruito un indikit e si è facilmente risaliti alla donna e dunque nella sua abitazione dove in serata, a seguito di un blitz, i militari hanno fatto ingresso trovando il piccolo in un lettino ed in perfetto stato.

La donna ha disturbi psicologici ed è mamma già di due figli, 11 e 19 anni, al momento non si conoscono i moventi del rapimento ma ha confessato che l’avrebbe riconsegnato all’indomani alla famiglia del piccolo Luca.

La mamma di Luca esprime parole di perdono per la donna: “Mi dispiace molto per questa persona, perché molto probabilmente non sta bene, non la odio, non provo niente. Sì, la perdono”

Ricordiamo commenti a caldo del sindaco di Nocera Inferiore, Antonio Romano, subito dopo il triste fatto: “E’ una vicenda sconcertante ed angosciante ma che presenta anche tante anomalie e punti interrogativi”. E’ un fatto di una gravità inaudita. Non conosco nel dettaglio quanto successo ma ragionando in astratto mi sembra una vicenda molto anomala, che andrebbe approfondita per bene. Conosco la professionalità della struttura e degli operatori. Ma, ripeto, mi sembra una vicenda molto strana. A rassicurarmi c’é comunque il fatto che dalle forze dell’ordine é stata posta la massima attenzione”.

Un fatto è certo…non può un non-addetto, in questo caso una donna travestita da infermiera,  entrare in maniera così facile, nel reparto ostetricia e rubare senza nessun’ostacolo un bimbo appena nato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *