Sarah Scazzi: capelli sulla corda e macchie sulle cinture

Sarah ScazziDai risultati delle prime analisi dei R.I.S di Roma, sulla corda e sulle cinture sequestrata a casa Misseri, si aggiungono nuovi indizi. Due capelli sarebbero stati trovati sulla corda, e delle macchie sarebbero state trovate su alcune cinture.

Nella corda, che sarebbe stata usata per calare Sara nel pozzo, ci sarebbero due capelli di colore castano scuro, ancora non sarebbero stati eseguiti accertamenti per sapere, se appartengono a Michele.

L’ uomo che si auto accusò dell’ occultamento del corpo privo di vita della piccola.  Ancora da verficare le macchie che sarebbero state ritrovate su alcune cinture.

Intanto dallo studio dei tabulati telefonici, ne esce fuori che Sabrina, il giorno della scomparsa, avrebbe fatto una prima telefonata alla cugina, che non avrebbe risposto, così da far partire immediatamente l’allarme ai carabinieri, dopo tentò altre chiamate risultate inutili, perchè il cellulare risultava spento, in totale fece altre due chiamate e poi avrebbe smesso di provare a telefonare.

Per gli investigatori un comportamento molto strano, smettere di cercarla tramite cellulare che sarebbe stata la cosa più logica e più istintiva. Una comportamento diverso invece che avrebbero continuato a fare tutti gli altri, provando a telefonare. Perchè Sabrina non telefonò più a Sarah, tentanto di trovarla ? E perchè questo comportamento sarebbe continuato anche nei giorni o settimane, successive?

Ieri è stato interrogato anche il nipote di Michele Misseri, Cosimo Cosma. Che il 26 agosto avrebbe parlato al telefono molte volte con lo zio, perchè tutte queste telefonate ? Gli inquirenti hanno il sospetto che i due erano insieme o che il nipote avrebbe scoperto qualcosa ed aiutato lo zio ad occultare il corpo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *