Sarah Scazzi, donne casa Misseri: “Michele è fuori di sé”

Le donne di casa Misseri manifestano i loro dubbi evidenziando la precarietà psico-fisica di Michele Misseri, che venerdì scorso ha confermato nell’incidente probatorio il fatto che l’omicidio della quindicenne Sarah Scazzi è stato compiuto da Sabrina, la figlia 22enne.

Il Tribunale del Riesame l’ho ha ritenuto attendibile (vedi motivazione della non scarcerazione di Sabrina), l’altra figlia Valentina e la moglie Cosima no.

Infatti, attraverso delle dichiarazioni spontanee ai carabinieri di Taranto, le due donne dichiarano che Michele è fuori di sè, in condizioni precarie.

Pertanto, sarebbe la loro conclusione, le sue dichiarazioni, recentemente confermate al Tribunale del Riesame, risultano poco attendibili. Hanno parlato circa quattro ore al cospetto del procuratore Antonio Sebastio che le ha ascoltate su loro richiesta.

Gli altri dubbi che sono stati manifestati nel pomeriggio di ieri (erano circa le 17) riguardano sulla strategia difensiva dell’avvocato Daniele Galoppa, difensore d’ufficio di Michele Misseri. Resta, però, ancora da chiarire il ruolo che Cosima, la donna definita “d’acciaio”, abbia avuto in questa tragedia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *