Sarah Scazzi: interrogata un’amica, aveva paura di Sabrina

Nella giornata di oggi il tanto atteso incidente probatorio, dove, sotto richiesta di Michele Misseri padre e figlia non si vedranno. Sabrina Misseri ascolterà il padre senza poter interagire o farsi vedere.

Intanto in  queste ore nuovi inquietanti dettagli sulla vicenda della morte della piccola Sarah Scazzi sembrano avanzare nell’ombra. Le amiche di Sabrina dichiarano che la stessa subito dopo la scomparsa di Sarah è cambiata, ha cominciato ad avere atteggiamenti scontrosi e faceva quasi paura.

Una delle compagne di classe di Sarah dichiara a Pomeriggio Cinque di essere stata protagonista di un fatto che lascia riflettere; nei giorni successivi alla scomparsa della giovane, Sabrina e Cosima, cugina e zia della vittima, si sarebbero presentate sotto casa della compagna chiedendo di incontrarla, la stessa si sarebbe rifiutata per paura.

Di cosa aveva paura l’amica di Sarah? La ragazza e il padre della stessa sono stati interrogati dagli inquierenti proprio in virtù di queste dichiarazioni rilasciate in trasmisione a Barbara D’Urso.

Il caso si fa sempre pù complesso, persone vicine all’indagata Sabrina Misseri si rivelano essere fonti importanti per le loro dichiarazioni volontarie, fonti che sembrano portare sempre di più verso la soluzione del caso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *