Sarah Scazzi, morta in 2-3 minuti. Poteva essere salvata

Dalla prima relazione della perizia sul corpo di Sarah Scazzi, la ragazza sarebbe stata strangolata con una cintura larga 2,6 centimetri circa. Sarah sarebbe morta per asfissia dopo 2-3 minuti.

Oggi si è conclusa l’udienza del Tribunale del Riesame di Taranto, per la scarcerazione di Sabrina, i magistrati avrebbero dichiarato “una bella e lunga chiacchierata tra le parti”.

Il 25 ottobre, il medico legale Strada avrebbe fatto ripetere una simulazione a Michele Misseri, su come possa aver commesso il delitto. Avrebbero fornitogli un foulard arrotolato e chiesto di dimostrare come avesse strangolato Sarah.

Oggi il Legale avrebbe fatto vedere foto e filmato alla procura di Taranto, su come il Misseri fosse impacciato nel sistemare il foulard non sapendo come sistemarlo, tutto questo avrebbe fatto evidenziare molti dubbi su Michele e la sua colpevolezza nell’omicidio.

Dall’ultima confessione di Michele, però arriva una notizia agghiacciante. L’uomo avrebbe detto che quando Sabrina lo avrebbe portato giù nel garage, Sarah ancora respirava, e perciò poteva essere salvata.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *