Scacchi: un ottimo allenamento mentale

Gli scacchi sono un gioco di strategia da tavola conosciuto in tutto in mondo e hanno un’origine piuttosto antica, la loro nascita risale infatti al sesto secolo, in India.
Sono riconosciuti, ormai anche in campo scientifico, i benefici che questa disciplina porta a chi la pratica: miglioramento nelle capacità cognitive, nel potere decisionale e, più in generale, nella scomposizione e risoluzione di problemi complessi.

L’Universidad de la Laguna di Tenerife, nel 2010, eseguì un interessante studio scientifico: 170 scolari tra i 6 e i 16 anni vennero sottoposti ad  un allenamento mentale “a base” di scacchi, mentre ad un gruppo di controllo venne somministrato solamente allenamento fisico. Tutti i ragazzi sono stati sottoposti a diversi test, prima e dopo il trattamento. La “batteria di test” comprendeva test cognitivi di svariate tipologie, dai test di logica basilare a quelli di scomposizione di problemi complessi.
Il gruppo di ragazzi che giocavano a scacchi hanno ottenuto notevoli miglioramenti nella maggior parte dei test scelti dagli esaminatori, superando di gran lunga i loro “rivali” allenati solo fisicamente.

Non è la prima volta che la scienza “mette alla prova” questa disciplina affascinante, infatti sono tantissimi gli studi scientifici intrapresi dalle università di tutto il mondo, in questo caso è pero importante prendere in considerazione l’età dei soggetti testati, compresa tra infanzia ed adolescenza. Si deduce da questo ed altri studi che gli effetti positivi degli scacchi in questa fase della crescita sono nettamente maggiori agli effetti possibili nell’età adulta.

Che dire quindi? “Buoni scacchi” a tutti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *