Scandalo Marrazzo: il Governatore lascia. “Una mia debolezza personale”

marrazzo2Il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo si è autosospeso. Stando alle paroledello stesso Marrazzo, l’autosospensione è primo passo di: “Un percorso  che porti alle mie dimissioni dalla carica di presidente della Regione”.

Nel frattempo, i poteri del presidente e la responsabilità di governo saranno assunti  dal vicepresidente della Giunta Regionale, Esterino Montino.

L’annuncio arriva nel giorno in cui nel carcere di Regina Coeli sono iniziati gli interrogatori dei 4 carabinieri arrestati con l’accusa di aver tentato di estorcere denaro al governatore dietro la minaccia di divulgare un video che lo ritrarrebbe in compagnia di un trans.

La decisione giunge dopo una riunione tra i più stretti collaboratori politici di Marrazzo, tra i quali  il vicepresidente Montino e il legale del governatore, Luca Petrucci, convocata per trovare una soluzione il più possibile indolore per l’uscita di scena di Marrazzo e mantenere la legislatura fino alla propria conclusione naturale – le regionali sono infatti previste il 28 marzo 2010 – evitando così lo spettro del commissariamento o delle elezioni anticipate – ipotesi caldeggiate da alcuni ambienti del centrodestra.

Smentite quindi le voci di dimissioni immediate del governatore, è prevalsa la linea più morbida, quella di concludere la legislatura e chiudere le importanti questioni ancora sul piatto, come il piano sanitario e il piano rifiuti.

Nel frattempo, nel PD è toto candidati per le prossime regionali. Tra i nomi dei papabili a sostituire Marrazzo sono già spuntati quelli di Rosy Bindi, Enrico Gasbarra (presidente della Provincia di Roma fino al 2008) e David Sassoli, neo eletto al parlamento europeo con un riscontro elettorale travolgente. Per il momento Gasbarra e la Bindi hanno negato la volontà di candidarsi. Per il momento.

One Response

  1. yuly 25 ottobre 2009

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *