Scusa ma ti voglio sposare, da vedere l’ultimo film di Federico Moccia

Scusa ma ti voglio sposare, un film da vedere. Scusa ma ti voglio sposare, l’ultimo film di Federico Moccia, è una commedia godibilissima, brillante e divertente tutta giocata sul confronto-scontro tra la generazione dei quarantenni in crisi di identita’ e quella dei ventenni con una vita davanti tutta da scoprire.

I preparativi del matrimonio dei protagonisti si intersecano con le crisi dei rapporti degli amici quarantenni di Raul Bova, i quali d’impulso non ci pensano due volte a dare un calcio a cio’ che hanno costruito per riscoprireil fascino della vita da single, d’altra parte  Le “Onde”, Michela Quattrociocche e le sue amiche, si infrangono al cospetto degli egoismi di ciascuna presa dal turbinio delle proprie vite..

L’egoismo, la voglia di affermare il proprio ego e’ il motore  per il quale i vari personaggi “stagionati” e non, mettono fine al proprio rapporto di coppia, per cercare di scoprire mondi nuovi, alla fine ci si rende conto che, in realta’, cio’ di cui si aveva bisogno o si aveva gia’, oppure era gia’sotto mano, e, in preda ad un pentimento, talvolta tardivo, si danno ad un frettoloso dietrofront.

I più giovani, invece, sembrano piu’ sicuri di se’ circa la strada da percorrere, salvo scoprire poi, che mettere se stessi al centro di tutto, rischia di portarli all’isolamento.

In entrambe le linee narrative protagonista assolutao e’ il sentimento dell’amicizia, il quale alla fine è l’unica ancora in un mondo in cui tutti ci si sente sballottati alla deriva dai marosi della vita.

In tutto questo bailamme risalta la figura, simpaticamente “tontolona” di un Raul Bova perfetto nei panni del bamboccione eralizzato professionalmente, ma del tutto inerme sul piano personale in balia degli eventi, dei parenti, della ragazza.

La rottura con i suoi tipici ruoli da duro e’ spiazzante e lascia nello spettatore un senso di bonaria simpatia che continua fino all’inaspetttato finale.

Federico Moccia sa il fatto suo e mescola sapientemente conflitti di coppia, morbose attenzioni, scontri generazionali con mano leggera e sapiente. In aggiunta al solito miele questa volta ci sono scene spasssose che strappano risate convinte.

Scusa ma ti voglio sposare, un film da vedere assolutamente, senza pregiudizi.

One Response

  1. simona 26 febbraio 2010

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *