Se non ami il rischio vai al Grande Fratello: sarai premiato!

Il Grande Fratello 10 sta giungendo alla conclusione. Questa settimana in nomination ci sono finiti Veronica Ciardi e Mauro Marin.

Il meccanisno del gioco e’, a volte, autolesionistico degli stessi interessi del reality, perche’ i personaggi piu’ significativi, quelli che piu’ di tutti si sono messi in gioco e hanno rischiato, vengono eliminati settimana dopo settimana e restano alla fine i piu’ scialbi, quelli che meno di tutti hanno lasciato un segno. Ad esempio mi chiedo, perche’ hanno tolto la classifica del preferito e conseguente immunita’ nelle ultime settimane? Avessero continuato, molto probabilmente, Veronica, Mauro, sarebbero arrivati tutti e due in finale.

Invece no! Si e’ permesso ai personaggi piu’ insignificanti di fare gioco di sponda ed eliminare i piu’ popolari, i piu’ significativi tra gli inquilini della casa. Da Lunedi resteranno nella casa Giorgio, Cristina, Maicol, Carmen. Persone insignificanti, insulse e certamente la noia regnera’ sovrana.

Anche Mara e Alberto sono personaggi che nulla hanno dato a questa edizione del Grande Fratello. Secondo me sarebbe da rivedere i meccanismi del reality e premiare chi lascia un segno, chi da modo ai miedia di parlare di se’, e penalizzare le acque chete, i personaggi che si limitano a campare nella casa in modo anonimo, senza infamia e senza lode, sfruttando le lotte tra i personaggi piu’ importanti.

In questa edizione, con un gruppo male assortito sin dall’inizio. Questo aspetto e’ venuto maggiormente in evidenza.
Qualcuno sa dire cosa Cristina abbia fatto in tutta la sua permanenza nella casa?

E Giorgio e Maicol? A parte menare sempre e solo sull’ambiguita’ di un rapporto mai nato. Carmen, Mara e Alberto sono solo bell epresenza ma nulla di piu’.

Lunedi, purtroppo, un personaggio simbolo di questa edizione lascera’ la casa. Ne restera’ uno solo con un gruppo di comparse. Preparate gli antidepressivi o, meglio, chiudete la televisione!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *