Seguono le istruzioni del navigatore e finiscono in mare.

turisti giapponesi in acqua

Notizia incredibile di questi giorni.Dei turisti giapponesi si ritrovano in acqua per seguire alla lettera le indicazioni del Gps.Non è curioso ,eppure è tutto vero .E’ accaduto in Australia.Tre turisti stavano cercando di raggiungere un isolotto e come ogni persona tecnologica che si rispetti hanno fatto uso del navigatore satellitare che ahimè gli ha giocato un brutto tiro.Inserendo le informazioni per raggiungere l’isola di North Stradbroke vicino a Brisbone,il gps gli ha indicato una strada praticamente inesistente,trascinando i poveri ignari praticamente in acqua .il navigatore infatti segnalava l’arrivo previsto fra 200 m,peccato che questo spazio non fosse percorribile poichè ricoperto d’acqua.Nonostante l’evidenza i turisti giapponesi non si sono scoraggiati ma hanno perseguito ritrovandosi arenati.fortunatamente c’era la bassa marea e quindi sono stati fortunati ritrovandosi semplicementi inpantanati figuriamoci se fosse stato diversamente chissà fino a che punto sarebbero arrivati.Ovviamente sono dovuti arrivare i soccorsi per liberarli dalla morsa del fango ma dico io fidarsi è bene ma finire in acqua mi sembra troppo.comunque credo che in certe situazioni i vecchi metodi possano risultare migliori dei nuovi.Che dite la prossima volta chiederanno a qualcuno a voce?chissà!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *