Spending Review: via libera del Consiglio dei Ministri

Dopo sette ore di riunione, arriva il via libera del Consiglio dei Ministri al provvedimento noto con il nome di “Spending Review”, ovvero la revisione della spesa dello Stato. Il Decreto Legge si snoda in 23 articoli che dovrebbero garantire un risparmio di 4,5 miliardi di euro. Tra tutti spicca il tanto annunciato taglio delle province che dovrebbero arrivare a 50 ( adesso sono 110).

I tagli verranno effettuati secondo i criteri di popolazione ed estensione. Contestualmente nasceranno le Città Metropolitane, Roma, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli, Reggio Calabria che sostituiranno le rispettive province. Saranno dimezzate le auto blu e saranno vietate le consulenze per i dipendenti pubblici che andranno in pensione. E’ stato invece escluso il taglio automatico delle strutture ospedaliere con meno di 80 posti letto, così come inizialmente previsto nella bozza del provvedimento.

Scongiurato anche l’aumento di due punti percentuale dell’IVA previsto per il secondo semestre del 2012. Per adesso l’aumento è stato posticipato al secondo semestre 2013. Si procederà invece così come previsto, al taglio del 10% del personale e del 20% della dirigenza nella Pubblica Amministrazione. Previsti poi 1 miliardo nel 2013 e 1 miliardo nel 2014 per il terremoto in Emilia. Non sono previsti tagli per Università e scuola. Questi i punti salienti del provvedimento.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *