Tribunali congestionati, arriva la conciliazione

Da marzo 2011 le cause giudiziarie potranno forse risolversi in tempi più brevi grazie alla nuova figura del conciliatore.

Il tentativo di conciliazione, ossia provare a trovare una soluzione tra le parti con un soggetto che  si pone come terzo imparziale, diverrà infatti una condizione di procedibilità dei processi.

Le nuove figure dei conciliatori sono professionisti avvocati, magistrati o persone che hanno svolto una  preparazione professionale attraverso corsi specifici  e che cercano di far trovare alle parti in causa una soluzione, cosiddetta bonaria, senza cioè l’intervento del giudice.

Molteplici le polemiche nate intorno a questa nuova figura ibrida, alcuni infatti sostengono che non si troverà soluzione ai moltissimi processi pendenti e che si introdurrà un ulteriore rallentamento dato proprio da questa nuova procedura.

Più favorevoli invece le associazioni di consumatori che, attraverso lo strumento della conciliazione, hanno già da tempo preso confidenza e  trovato soluzioni a controversie sorte  con le grandi aziende: ad esempio nel campo dell’energia o della telefonia o con grossi gruppi bancari.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *