Tsunami finanziario affonda l’isola che non c’era

foto_dubai_010_palm_islandSe andate con Google Earth ad esplorare la costa di Dubai  noterete  delle efflore-scenze che fino a qualche anno fa non esistevano : sono delle isole artificiali a forma di palma costruite  dalla Nakheel il   braccio immobiliare del gruppo Dubai World che ha come suo principale azionista l’emirato del Dubai .

Il Dubai , virtualmente privo di petrolio, ha puntato tutto sull’immobiliare di lusso . La bomba è scoppiata mercoledì 25 , di sera . Dubai World, il cuore finanziario dell’emirato,  appesantita  da 59 miliardi di dollari di debiti , pari al 70% dell’intero debito statale  ha  dichiarato di non poter pagare i suoi creditori ed ha chiesto una boccata di ossigeno  di sei mesi. Poi  si vedrà !

Un brivido ha percorso la schiena dei banchieri di mezzo mondo cristiano ed islamico per la prima volta uniti in un grido di dolore . Le sole Banche europee sono esposte per 40 miliardi !

E i lussuosi appartamenti sulle isole che non c’erano ? Immobili disputati dalle star di tutto il mondo e dai nuovi ricchi noti e meno noti del pianeta . Per il momento il loro valore si è dimezzato . Poi si vedrà !

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *